Cronaca

Se un sabato i volontari e la Protezione civile si mettono a pulire il Lambro

Lungo i due chilometri degli argini del fiume che attraversa il parco hanno collaborato circa 150 persone, soprattutto volontari, con l'obiettivo di prevenire le esondazioni del fiume Lambro: Protezione Civile insieme ad Amsa e AIPo hanno rimosso dal letto del fiume e dalle sue rive grandi alberi

I volontari che hanno pulito il Lambro (foto Granelli/Fb)

Una giornata di pulizie del Lambro, sabato. A organizzarla sono stati il Comune di Milano con gli assessori Pierfrancesco Maran (Ambiente) e Marco Granelli e la Regione Lombardia con gli assessori Viviana Beccalossi (Territorio) e Simona Bordonali (Protezione civile), insieme a Città Metropolitana, Protezione civile, AIPo (Agenzia Interregionale per il fiume Po) e Amsa, i Consigli di Zona 2, 3 e 4.

Lungo i due chilometri degli argini del fiume che attraversa il parco hanno collaborato circa 150 persone, soprattutto volontari, con l'obiettivo di prevenire le esondazioni del fiume Lambro: Protezione Civile insieme ad Amsa e AIPo hanno rimosso dal letto del fiume e dalle sue rive grandi alberi che le piene avevano abbattuto e che si erano riversati nelle sue acque; mentre i cittadini, insieme alle Gev del Comune di Milano e alle associazioni ambientali e territoriali hanno collaborato a rimuovere rami, fogliame e le zone adiacenti ai fiumi.

Nel corso della giornata sono stati asportati dal fiume Lambro e dalle sue rive oltre 10 cassoni da 30 metri cubi di materiale vario, soprattutto tronchi. Si è reso necessario l'utilizzo di circa 31 mezzi pesanti (gru, ragni, camion oltre a motoseghe e piccoli cingolati) messi a disposizione dalle organizzazioni di Protezione civile, Comune, Polizia locale, Amsa. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Se un sabato i volontari e la Protezione civile si mettono a pulire il Lambro

MilanoToday è in caricamento