Raccolta fondi per Eugenio, il tassista morto per salvare due fidanzati dopo un incidente

La raccolta è stata lanciata dagli amici di Eugenio Fumagalli: "In sua memoria"

Eugenio

Un modo per ricordarlo. Un modo per aiutare gli altri, proprio come faceva lui. Gli amici e colleghi di Eugenio Fumagalli, il tassista morto dopo essere stato investito sulla Milano-Meda mentre aiutava due ragazzi feriti in un incidente, hanno lanciato una raccolta fondi in sua memoria. 

"Era un nostro collega, un amico, un professionista della strada che stava svolgendo un servizio pubblico – le parole di Barbara Iannizzi in rappresentanza dei tassisti milanesi -. Siamo vicini alla famiglia e vogliamo sensibilizzare tutta l’opinione pubblica su quanto possano essere pericolose le strade se non ci si attiene alle norme”. 

L'obiettivo della raccolta fondi, lanciata su Gofund.me, è acquistare un defibrillatore portatile, che sarà poi donato. “In base alla somma raccolta - ha concluso Iannizzi - verrà presa in considerazione se acquistarne più di uno”. 

Fumagalli, quarantasette anni e un passato da poliziotto, aveva perso la vita il 13 gennaio scorso. Quella notte una Audi A3 guidata da un ragazzo di ventisei anni aveva speronato a velocità folle una Fiat Seicento con a bordo due fidanzati sulla Milano-Meda, all'altezza di Cesano Maderno. Eugenio era arrivato, aveva accostato il taxi ed era sceso per aiutare i due giovani, intrappolati nella macchina ribaltata. In quel momento da dietro erano arrivate una Clio e una Passat, che avevano centrato in pieno il tassista.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 26enne alla guida dell'Audi era fuggito dopo il primo schianto ed era stato fermato circa sei ore dopo. Nel weekend per lui sono stati disposti gli arresti domiciliari: gli stessi poliziotti che lo hanno fermato hanno scoperto che negli ultimi otto anni la patente gli era già stata ritirata due volte per guida in stato di ebrezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • L'anziana che ha "truffato" i truffatori: così una 87enne ha fatto arrestare la "nipote" a Milano

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Il maltempo fa paura: "Forti temporali in arrivo, fino a 150mm di acqua in 6 ore" (Poi la grandine)

  • Milano, ecco lo store di Off-White in pieno centro: è il brand per cui tutti si mettono in fila

  • Milano: folle fuga dei rapinatori contromano, i poliziotti li prendono a schiaffi e calci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento