Cronaca

Milano, Dario Miedico radiato dall’Ordine dei medici: era il dottore simbolo dei "no vaccini"

È arrivata la decisione dell'Ordine dei medici milanese. Altri sedici a rischio "processo"

Dario Miedico

L’Ordine dei medici di Milano ha radiato dal proprio albo Dario Miedico, il dottore diventato famoso negli ultimi tempi per le sue posizioni “anti vaccini” espresse più volte in rete e durante convegni pubblici. 

La decisione, presa dal presidente Roberto Carlo Rossi, è arrivata mercoledì mattina, dopo un “processo” iniziato lo scorso 27 gennaio, quando Miedico era stato ascoltato proprio all’Ordine. 

Il dottore era stato chiamato a rispondere per la partecipazione alla “Prima giornata nazionale contro l’obbligo vaccinale” dello scorso 9 dicembre e, soprattutto, per la frase: “I danneggiati dalle vaccinazioni sono molto di più dei casi denunciati”. 

Proprio prima della “udienza”, Miedico - esponente di spicco di Coordinamento del movimento italiano per la libertà delle vaccinazione e di medicina democratica - si era difeso con una lettera aperta rivolta all’Ordine, in cui aveva spiegato: "Non è vero che sono contro le vaccinazioni. Sono critico rispetto alle modalità attuali con le quali vengono praticate le vaccinazioni, a cominciare dall'obbligatorietà di legge. Non vaccinato - aveva spiegato - non significa automaticamente malato, perché anche il bimbo vaccinato può essere inconsapevolmente un portatore sano".

Miedico, milanese di settantasei anni e laureato dal 1966 all’Università di Milano, lo scorso ottobre era stato protagonista di un convegno organizzato in regione Lombardia sul tema delle vaccinazioni al quale era stato invitato dal Movimento cinque stelle. Nel 2015, invece, aveva espresso le sue tesi sui danni provocati dai vaccini durante un convegno al Senato. 

Da ora, però, non potrà parlare più da medico. 

“Fuori due - è stato il primo commento di Roberto Burioni, medico del San Raffaele noto per le sue posizioni a favore dei vaccini -. Finalmente tolleranza zero, finalmente i pazienti vengono protetti, finalmente si torna a essere orgogliosi di essere dei medici. Grazie a Carlo Alberto Rossi - ha concluso -, presidente dell'Ordine dei Medici di Milano”.

“Dopo l’audizione al consiglio disciplinare me l’aspettavo”, le prime parole del dottore. “Farò sicuramente ricordo, ma non farò solo quello – ha spiegato Miedico -. Con l’associazione Medicina democratica faremo tutte le iniziative necessarie anche contro il decreto del governo sui vaccini: perché non credo sia casuale che la mia radiazione arrivi adesso”.

Miedico, però, potrebbe non essere il solo ad incorrere in questa punizione. Negli ultimi giorni, infatti, si è allargata la "platea" di medici milanesi che l'ordine professionale vuole "punire" per la loro posizione contro i vaccini

I professionisti sono sedici: si tratta di coloro che, a ottobre 2015, avevano firmato una lettera inviata a Walter Ricciardi, presidente dell'Istituto superiore di sanità, per esprimere perplessità sulle vaccinazioni. 

Carlo Roberto Rossi, presidente dell'ordine, li ascolterà per poi decidere, caso per caso, se rinviarli alla commissione interna di disciplina, che a sua volta dovrà poi valutare se far partire un provvedimento tra avvertimento, censura, sospensione e radiazione. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, Dario Miedico radiato dall’Ordine dei medici: era il dottore simbolo dei "no vaccini"

MilanoToday è in caricamento