Violenza sessuale, altre ragazze pronte a parlare dei party di Genovese

Intanto la Procura vuole effettuare accertamenti sull'agenzia di modelle di cui l'imprenditore detiene una quota

Alberto Genovese

Altre ragazze si stanno facendo avanti con inquirenti e investigatori per raccontare cosa accadeva durante le feste di Alberto Genovese, l'imprenditore 43enne ex fondatore di Facile.it e chairman di Prima assicurazioni.it, che si trova in carcere con l'accusa di aver violentato per 24 ore una modella di 18 anni, che si trovava nel suo attico come invitata a un party, dopo averla fatta drogare contro la sua volontà.

Le feste senza limiti di Genovese: manette, droga e le donne "bambola" nelle sue mani

In base a quanto trapelato, oltre agli ospiti del festino al centro dell'inchiesta, altre giovani si sono presentate per rilasciare la propria testimonianza. Una ragazza, poi, ha anche sporto denuncia dicendo di aver subito violenze dall'uomo come la 18enne. La Procura vuole inoltre accendere un faro sull'agenzia di modelle di cui Genovese detiene una quota.

La difesa di Genovese: "Molte zone d'ombra"

La sera in cui sono avvenute le violenze al party di Genovese, fu  il ballerino étoile della Scala, Roberto Bolle, insieme a un altro inquilino del palazzo, a chiamare la polizia per il rumore proveniente dall'appartamento dell'uomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Oggi e domani Lombardia in zona arancione: regole e divieti per il weekend, cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, il negozio vieta l'ingresso "alle persone vaccinate di recente": il cartello diventa virale

  • Da oggi al 15 gennaio Lombardia in zona arancione, cosa si può fare e cosa no

  • Fontana: "Lombardia zona rossa, non ce lo meritavamo"

Torna su
MilanoToday è in caricamento