rotate-mobile
Come agiva

Il truffatore seriale che imbroglia anziani e malati oncologici

Nel dicembre 2019 il 24enne era già stato arrestato per stalking sull'ex compagna

Si sarebbe presentato a casa di anziani in casi anche gravemente malati o non autosufficienti e, spacciandosi per dipendente di compagnie telefoniche o di aziende del gas, avrebbe promesso rimborsi sulle bollette già pagate riuscendo così a ottenere la fiducia delle vittime e a farsi consegnare i loro bancomat o carte di credito con tanto di pin. Un 24enne di origine statunitense è stato arrestato con l'accusa di truffa aggravata, furto aggravato e indebito utilizzo di carte di credito ai danni di tre persone.

Ad accogliere la richiesta di arresto avanzata dal pool anti truffe della Procura di Milano è stato il gip Guido Salvini. Le indagini condotte dalla sezione di polizia giudiziaria in quota alla polizia di Stato e polizia Locale, come si legge in una nota del Procuratore Marcello Viola, si sono basate, oltre che sull'"attento ascolto dei racconti delle persone offese", su "accurate indagini tecnologiche" e, pure, "sull'incrocio dei dati estratti dai tabulati telefonici e di immagini estrapolate dai sistemi di vigilanza". Il caso, scrive Viola, "offre nuovamente l'occasione per richiamare l'attenzione di tutti (...) a prestare la massima attenzione (...) diffidando in particolare di quanti, nel corso delle visite a domicilio 'a sorpresa'. affermino di dover eseguire generiche verifiche o promettano rimborsi o facili risparmi".

Nel provvedimento il gip spiega come il giovane, tra l'altro senza una "dimora verificata" in Italia, sia riuscito, tra maggio e novembre del 2022, a fare "leva" sulle "incertezze" delle vittime, tra cui anche malati oncologici, fingendo di essere un dipendente di società del gas o di compagnie telefoniche. E causandogli anche seri "danni psicologici". Oltre a svuotare le carte che riusciva a farsi consegnare, chiedeva a volte anche anticipi da "300 euro in contanti". E quando una donna, si legge ancora, "per via dei gravi problemi di salute" si era "adagiata sul letto", il giovane "approfittando di questa circostanza si era allontanato portando via la carta per la riscossione del reddito" di cittadinanza.

Nel dicembre 2019 il 24enne era già stato arrestato per stalking sull'ex compagna. Secondo il padre della ragazza, "le aveva prosciugato il conto appropriandosi di circa 7-8.000 euro" e girava sempre con "un passaporto americano". Più volte, conclude il gip, ha violato in passato il "provvedimento di allontanamento dalla casa familiare" e la misura della "sorveglianza speciale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il truffatore seriale che imbroglia anziani e malati oncologici

MilanoToday è in caricamento