Rubano un'auto in strada buttando giù una donna, poi scappano in Svizzera

Protagonisti un uomo e una donna: lui era anche ai domiciliari

Le hanno rubato l'auto in strada, a Milano, e con la vettura sono scappati in Svizzera, dove sono stati intercettati e fermati dalle autorità elvetiche, che li hanno "consegnati" a quelle italiane. Protagonista una coppia di milanesi: il 37enne G.S., risulato agli arresti domiciliari e quindi evaso, e la compagna V.M. di 28 anni.

I due, la mattina del 15 dicembre, hanno fermato un'auto all'incrocio tra via Melchiorre Gioia e via Amerigo Vespucci: hanno aggredito la donna al volante e l'hanno costretta a scendere, tirandola anche per i capelli. Poi hanno caricato sull'auto due valigie e si sono allontanati a forte velocità.

Ma a bordo dell'auto era rimasto lo smartphone della vittima, risultato cruciale per tracciare gli spostamenti oltreconfine. I poliziotti della questura di Milano hanno diramato l'allarme agli omologhi elvetici che, poco dopo, hanno segnalato che l'uomo e la donna fuggitivi erano appena stati intercettati in una stazione di servizio a 20 chilometri dall'uscita della Galleria del San Gottardo, nel cantone Uri.

La mattina del 18 dicembre è avvenuta la "consegna" della coppia agli agenti della squadra mobile di Milano, presso gli uffici della polizia di frontiera. I due sono stati sottoposti a fermo e si trovano nel carcere di Como in attesa della convalida.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, il negozio vieta l'ingresso "alle persone vaccinate di recente": il cartello diventa virale

  • Da oggi al 15 gennaio Lombardia in zona arancione, cosa si può fare e cosa no

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

Torna su
MilanoToday è in caricamento