menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Agivano a volto socoperto

Agivano a volto socoperto

Rapinano banca ma lasciano impronte digitali ovunque, arrestati

Il 'commando' era composto da 4 giovanissimi, uno dei quali è rimasto incastrato nella bussola anti-rapina della Mps di via Varesina a Milano

Giovanissimi, pensavano di sbancare il lunario rapinando banche in giro per l'Italia ma la loro corsa si è infranta contro il muro delle forze dell'ordine. Rispettivamente classe '91, '92, '93 e '95, palermitani, facevano i trasfertisti per mettere  a segno i loro colpi. 

Uno dei loro viaggi li ha portati a Milano. Dove - precisamente il 2 maggio scorso - hanno rapinato la filiale della Monte dei Paschi di Siena di via Varesina. Il 'commando', sprovvisto di armi, attraverso minacce verbali era riuscito a portar via un bottino consistente. 

La rapina era durata alcuni minuti. Tanti quanti erano bastati ai banditi per farsi inquadrare da più angolazioni dalle telecamere di sicurezza. Erano a volto scoperto. E due di loro, per fare aprire la bussola anti-rapina, avevano lasciato le impronte digitali sul Biogidit (sistema che apre la porta solo se vi si appoggia l'indice).

Un terzo rapinatore, invece, era rimasto incastrato all'interno della bussola per tutto il tempo dalla rapina. Mentre il quarto, che dall'esterno faceva “il palo”, non aveva badato più di tanto alle telecamere e anche lui era stato ripreso in più occasioni.

Bottino in mano, la banda era fuggita pensando di aver fatto il colpo perfetto. Tutt'altro. Alcuni di loro erano già stati foto-segnalati in passato e risalire a loro non è stato proprio un'impresa ardua per gli investigatori dell'arma dei carabinieri. Sono Tommaso T. di 18 anni, Antonino R. di 20, Antonino P. di 21 e Fabrizio N. di 22, tutti ufficialmente nullafacenti e già noti alle forze di polizia.

Tre di loro nel frattempo (nell'ultimo mese) erano già stati arrestati per altre rapine in banca commesse sempre nel mese di maggio. Il quarto, l'unico ancora libero, è stato arrestato lunedì dai carabinieri di Palermo. L'accusa per i quattro è rapina aggravata in concorso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

Un uomo è rimasto incastrato col pene nel peso di un bilanciere

Attualità

È stato creato un giardino zen in pieno centro a Milano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento