rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
La storia / Loreto / Via Giovanni Pierluigi da Palestrina

Il rapinatore che scoppia a piangere durante il colpo: "Scusa, scusa"

Incredibile rapina domenica mattina a Milano. In manette un 29enne

Dal raid armato alle lacrime. Tutto in pochi secondi. Rapina con finale assolutamente a sorpresa domenica mattina a Milano, dove un ragazzo di 29 anni - un italiano con problemi di tossicodipendenza - è finito in manette dopo aver cercato di svaligiare un bar tabacchi e, soprattutto, dopo essere scoppiato a piangere nel bel mezzo del blitz. 

Stando a quanto appreso da MilanoToday, il giovane è entrato in azione verso le 7.30, quando è passato davanti al locale, che si trova al civico 12 di via Giovanni Pierluigi da Palestrina. Il rapinatore si è avvicinato al titolare - un 25enne che in quel momento stava fumando una sigaretta all'ingresso con un amico - e gli ha puntato contro un coltello, intimandogli di consegnarli 100 euro. Dopo il rifiuto del barista, il 29enne lo ha spinto all'interno e si è spostato dietro il bancone. 

A quel punto il proprietario del locale ha afferrato uno sgabello e ha reagito al malvivente, riuscendo a bloccarlo. Proprio in quell'istante, l'uomo è scoppiato in lacrime, si è allontanato dalla cassa e si è seduto a uno dei tavolini del bar, continuando a chiedere scusa alla vittima e dando la colpa delle sue azioni alla cocaina. Alla vista dei carabinieri, allertati dal testimone, il rapinatore ha cercato di scappare ma è stato subito raggiunto e fermato dagli uomini del Radiomobile. 

Una volta in caserma, il 29enne ha cercato di ferirsi da solo più volte, tanto che è stato accompagnato al pronto soccorso per essere visitato. Per lui sono scattate le manette con l'accusa di tentata rapina aggravata. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il rapinatore che scoppia a piangere durante il colpo: "Scusa, scusa"

MilanoToday è in caricamento