Cronaca Sempione / Via Andrea Massena

I baby bulli che "giocano" a fare i criminali (e finiscono in manette)

Arrestati un 15enne e un 16enne, accusati di rapina aggravata ed estorsione in concorso

Quindici e sedici anni e già atteggiamenti da criminali consumati. Due ragazzini sono stati arrestati nella notte tra venerdì e sabato a Milano con le accuse di rapina aggravata ed estorsione in concorso dopo aver minacciato e derubato un giovane di 20 anni, al quale hanno chiesto dei soldi in cambio del bottino appena scippato. 

Il blitz dei due, stando a quanto ricostruito e riferito dalla Questura, è scattato verso le 2 nei giardinetti di via Massena, in pieno centro città. Lì, il 15enne e il 16enne hanno avvicinato il 20enne e gli hanno portato via una bicicletta minacciandolo con dei cocci di vetro. 

Non contenti, hanno preteso dal ragazzo 50 euro in contanti per restituirgli la bici e dopo il suo rifiuto sono andati via. Il giovane, però, non si è dato per vinto e ha dato l'allarme alla polizia, seguendo i due baby rapinatori. 

A pochi metri dal luogo del raid, il 15enne e il 16enne sono stati individuati dagli agenti delle Volanti, bloccati e ammanettati. La vittima ha poi riconosciuto i suoi aggressori e la sua bicicletta, che i due avevano ancora con loro. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I baby bulli che "giocano" a fare i criminali (e finiscono in manette)

MilanoToday è in caricamento