menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I rapinatori che assaltano un supermercato, sparano due colpi e massacrano il vigilante

"Lidl di Vedano al Lambro. Aiuto! Aiuto! Ci stanno rapinando!". Questa la voce di una donna che chiede aiuto al 112 e permette l'arrivo delle forze dell'ordine. Due arresti

Passi spediti per entrare - come normali clienti - all'interno del supermercato ormai prossimo alla chiusura e pochi istanti per seminare il panico. Pistola in pugno, volto coperto da un cappuccio e dalla mascherina si sono diretti verso le casse e hanno minacciato i dipendenti chiedendo di mettere le mani sull'incasso.

Attimi di paura lunedì sera a Vedano al Lambro quando due uomini hanno messo a segno una violenta rapina all'interno del punto vendita Lidl di via Della Misericordia. I malviventi hanno varcato l'ingresso intorno alle 21 e una volta all'interno hanno terrorizzato il personale impugnando due pistole che si sono rivelate poi armi a salve prive di tappo rosso.

IMG-20210323-WA0042 (1)-2

La telefonata: "Aiuto! Aiuto! Ci stanno rapinando"

Un paio i colpi esplosi tra le corsie del supermercato in quei minuti che a chi era all'interno sono parsi attimi eterni. Lunghi istanti in cui una commessa ha trovato il coraggio di impugnare il telefono e dare l'allarme, chiedendo aiuto.

VIDEO | La telefonata ai carabinieri

In sottofondo le urla e la confusione poi - pronunciata a voce bassa, scandita dalla paura - quella frase di poche parole giunta al centralino del 112 di Monza: "Lidl di Vedano al Lambro. Aiuto! Aiuto! Ci stanno rapinando!". Intanto tra le corsie si consumava una brutale aggressione a suon di calci e pugni all'addetto alla sicurezza che è stato colpito anche con il calcio della pistola alla testa.

L'arresto con 10mila euro di incasso

Dopo la telefonata al 112 a Vedano al Lambro in pochi attimi sono giunte le gazzelle del Nucleo Operativo Radiomobile della compagnia di Monza. I militari hanno sorpreso uno dei due malviventi ancora dentro il supermercato, nei pressi della cassaforte - con l'arma in pugno - mentre era intento a riempire di fretta un borsone scuro con le banconote: quasi diecimila euro in totale. Il complice invece quando ha intuito l'arrivo dei militari dell'Arma, è scappato via ma è stato bloccato e arrestato a pochi metri dal punto vendita dopo un breve inseguimento di corsa. In manette sono finiti due uomini italiani, entrambi con precedenti specifici, di Cinisello Balsamo (Milano): un 31enne e un 45enne milanese. Ora si trovano in carcere a Monza e dovranno rispondere del reato di rapina aggravata e lesioni personali.

L'addetto alla sicurezza del punto vendita - un 36enne di origine senegalese - è stato soccorso da un'ambulanza del 118 e trasferito in ospedale in codice verde al San Gerardo di Monza con due settimane di prognosi. 

soldi rapina-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cos'è la "certificazione verde" per uscire dalla Lombardia e come si ottiene

Attualità

Netflix ha ambientato una serie tv a Milano

Coronavirus

Vaccini covid, il 22 aprile partono le prenotazioni per i 60-64enni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento