rotate-mobile
Rapina e ricettazione / Porta Lodovica / Viale Beatrice d'Este

Il rapinatore di operai: due colpi in pochi minuti

L'uomo, italiano con precedenti, avrebbe minacciato allo stesso modo due ragazzi con delle forbici sottraendo loro gli attrezzi da lavoro

Ha derubato due ragazzi dei propri attrezzi da lavoro e poi si è dato alla fuga. È accaduto lunedì 4 settembre in viale Beatrice d’Este tra le ore 12,30 e le 14,00. Un uomo italiano di 41 anni con precedenti ha dapprima rapinato un giovane di 20 anni, per poi replicare il colpo su un secondo ragazzo classe 1993. In entrambi i casi le vittime sono operai derubati, presumibilmente, durante l’orario di pausa.

Stesso modus operandi, stessa refurtiva. L’uomo ha effettuato la prima rapina ai danni di un ragazzo italiano del 2003 intorno a mezzogiorno e mezza. Il 41enne ha minacciato la vittima con delle forbici, per poi sottrargli i propri attrezzi da artigianato e allontanarsi in auto accompagnato da una complice. Pochi minuti dopo la seconda rapina, questa volta all’angolo con via Santa Lucia ai danni di un 30enne di origini albanesi.

La coppia di ladri è stata fermata dagli agenti che hanno scoperto nel veicolo non solo il bottino delle due rapine, ma anche molti altri oggetti, probabilmente frutto di altri colpi. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di rapina aggravata in concorso e indagato per ricettazione; la donna, italiana incensurata è, invece, indagata per rapina impropria in concorso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il rapinatore di operai: due colpi in pochi minuti

MilanoToday è in caricamento