Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Rapina violenta, sparano a guardia giurata: un milanese nel commando

L'indagato, che è accusato di tentato omicidio, rapina e porto abusivo di arma (tutti reati in concorso con altri) avrebbe fatto parte del "commando" che ha sparato a una guardia giurata, che ora è in fin di vita

Rilievi sul posto (foto Bisaglia)

«Io dovevo fare soltanto da autista. Non ho sparato, e mi dispiace per la guardia che è rimasta ferita. Spero che si riprenda presto». Sono le parole di un milanese 43enne, residente a Binasco, arrestato subito dopo la rapina al Mercatone di Rottofreno (Piacenza) del 22 aprile, davanti al gip di Piacenza durante l’interrogatorio l'altro giorno in carcere.

L’indagato, che è accusato di tentato omicidio, rapina e porto abusivo di arma (tutti reati in concorso con altri) avrebbe fatto parte del "commando" che ha sparato a una guardia giurata, che ora è in fin di vita. 

L'uomo ha però specificato di non essere stato lui in possesso dell’arma che ha sparato alla schiena del 45enne rimasto poi gravemente ferito subito dopo essere sceso dal furgone portavalori: «Io dovevo soltanto fare da autista».

Nulla invece avrebbe riferito riguardo agli altri complici della rapina. L’arresto dell’uomo, tossicodipendente e con precedenti per furto, è stato convalidato dal gip che ha disposto la custodia cautelare in carcere. Intanto proseguono senza sosta le indagini dei carabinieri di Piacenza a caccia del complice che ha sparato alla guardia giurata, e poi fuggito subito dopo la rapina.“

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina violenta, sparano a guardia giurata: un milanese nel commando

MilanoToday è in caricamento