menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'arresto

L'arresto

Da Palermo a Milano per rapinare le banche, arrestata famiglia

L'operazione "Tutto in famiglia" ha preso il via dalla rapina commessa a Milano il 23 agosto 2013 alla filiale Unicredit di viale Lucania 3

Gli agenti del commissariato “Mecenate” di Milano hanno arrestato, nei giorni scorsi, cinque persone per rapina in concorso ai danni di istituti di credito. L’operazione "Tutto in famiglia" ha preso il via dalla rapina commessa a Milano il 23 agosto 2013 alla filiale Unicredit di viale Lucania 3. Ecco qui il video delle rapine e degli arresti.

I poliziotti, investigando anche su altre quattro successive rapine a banche commesse tra Milano e Torino, sono riusciti ad identificare i rapinatori che operavano con volto scoperto e armati di taglierini e coltelli: si tratta di persone legate da vincoli di parentela – padre, figlio, cognato, cugino ed un amico – tutti di origine palermitana che si trasferivano al nord sfruttando l’ospitalità data da altri familiari.

Unico incensurato del gruppo è R.M., ventiquattrenne, il cognato, il cui ruolo nell’organizzazione era quello di apporre il proprio dito sul “biodigit”, lo strumento per l’apertura della porta girevole degli istituti di credito.

L’operazione ha evidenziato come le rapine servissero a mantenere una rete di parentela alla quale, del resto, i rapinatori si rivolgevano per la raccolta fondi che serviva in occasione delle trasferte da organizzare.

A finire in manette, tutti accusati di rapina e originari di Palermo, sono stati il 48enne Giovanni T., suo figlio 29enne Mario T., suo cognato 24enne, Rosario M., suo cugino, Massimiliano L.di 39 anni e il 43enne Massimo C., un altro cognato di Giovanni T, l'unico residente a Milano in zona Corvetto: l'appoggio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento