Cronaca San Siro / Piazza Monte Falterona

Rapinano una farmacia, subito arrestati dai "falchi" della squadra mobile

Si sospetta che siano seriali. Certamente seriale invece il malvivente arrestato il 10 agosto: in totale gli sono stati attribuiti 11 colpi

La rapina alla farmacia di via Antonini (video Polizia)

Due rapinatori di farmacia - si sospetta seriali - sono stati arrestati il 20 ottobre dai "falchi" della squadra mobile. E ad un altro è stata contestata la serialità, dopo avere ricostruito altri casi simili ai due dei quali era già accusato. 

Il primo episodio ha inizio a San Siro, in piazzale Monte Falterona. Un uomo, il 49enne Gianluca Vanoletti, entra nella farmacia della piazza con un casco, occhiali da sole e un coltello. Minaccia la farmacista e si fa consegnare 230 euro dalla cassa, poi lui stesso afferra una busta piena di monetine (per circa 60 euro) ed esce dal negozio, salendo su una Bmw chiara con a bordo un complice, il 69enne Nicola Pescione. La farmacista chiama immediatamente il numero di emergenza 112 e fornisce una descrizione precisa sia del rapinatore sia della vettura, con tanto di parte della targa. 

Entrano in azione gli agenti in moto: individuano immediatamente la Bmw. Parte l'inseguimento verso piazza Giulio Cesare e piazzale Damiano Chiesa, fino a via Marcantonio Colonna. I malviventi rimangono "imbottigliati" nel traffico e vengono catturati. L'autore materiale, già arrestato nel 2013 per nove rapine seriali, era affidato in prova ai servizi sociali. Secondo la squadra mobile, potrebbe essere l'autore anche di altre cinque rapine: e forse sempre con lo stesso complice. Quando lo catturano, il 49enne ha ancora in tasca i 230 euro e - sul tappetino del passeggero - la busta con le monete.

L'altro rapinatore seriale era stato già arrestato il 10 agosto, per due rapine in altrettante farmacie in via Rembrandt e piazza Bolivar. Quello stesso giorno, poco prima, era stata tentata una rapina nella farmacia di via Antonini, sventata dal farmacista che aveva reagito con la pistola in mano, mettendo in fuga il malvivente. La successiva ricostruzione degli investigatori ha permesso di comprendere che l'autore fosse lo stesso. E non solo: in totale, è ora accusato di undici colpi in pochi giorni, dal 27 luglio a quel 10 agosto, per un totale di circa 6 mila euro di bottino. Si tratta del 34enne Massimiliano Di Trapani.

DI SEGUITO: VIDEO RAPINE DI DI TRAPANI

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinano una farmacia, subito arrestati dai "falchi" della squadra mobile

MilanoToday è in caricamento