Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Sgominata banda minorenne di latinos, le "rapine" in rete

26 arresti (20 minorenni e 6 maggiorenni) per membri di gang di latinos, "dediti" a rapine particolarmente violente. Le loro "imprese" finivano in rete. Per le donne, cinghiate d'iniziazione

latinos_7Gli agenti del commissariato Mecenate hanno eseguito provvedimenti di custodia cautelare a carico di 20 minorenni e di fermo di polizia giudiziaria a carico di 6 maggiorenni. I ragazzi, tutti di origine sudamericana, sono ritenuti responsabili di una serie di rapine, perpetrate in gruppo e con modalità particolarmente violente. L'indagine ha avuto inizio nel maggio 2010, a seguito di una serie di rapine portate a termine dai giovani sudamericani, principalmente all'interno della metropolitana Milanese.

I VIDEO SU YOUTUBE - Nel corso della lunga indagine, spiega la polizia, gli investigatori si sono avvalsi anche dei moderni strumenti di comunicazione, tra i quali Facebook e Youtube, che i baby rapinatori utilizzavano, inserendovi immagini e video delle loro azioni, per acquisire considerazione tra i componenti «anziani» delle pandillas Latin Dangerz e Los Brothers, che operano nel contesto della criminalità giovanile straniera.

STRAFOTTENTI E FELICI - Avevano creato anche un sito internet in cui caricare i filmati (qui il rito di iniziazione per una ragazza, cinghiate) delle proprie gesta e stimolare i commenti degli amici. Le due nuove gang latino-americane sgominate in queste ore, i cosiddetti «Latin Dangerz» e i «Los Brothers», erano composte da giovanissimi sudamericani avvezzi all'utilizzo delle nuove tecnologie. Per questo amavano esaltare le proprie azioni criminali anche via web, caricando in rete fotografie e filmati ripresi con i telefonini di nuova generazione, gli stessi che sottraevano alle vittme con assalti di massa, spesso armati e molto rapidi. I video sono ancora disponibili digitando il nome dei due gruppi sul canale telematico YouTube, in cui si possono notare le scorribande delle pandillas in metropolitana e nei giardini pubblici cittadini, durante i loro ritrovi, bottiglie di birra alla mano, in atteggiamento di compiaciuta strafottenza.

latinos_6DI DIVERSE NAZIONALITA' - Si davano appuntamento sui social network, Facebook soprattutto, attraverso cui entravano in contatto con le altre frange distribuiti in Italia, tra Genova, Torino e Bergamo, ma anche con le bande omonime cresciute in Sudamerica, alle quali si ispiravano. La polizia ha lavorato un anno intero prima di eseguire, questa mattina, 20 provvedimenti di custodia cautelare a danni di minorenni e sei fermi per altrettanti maggiorenni. Le due bande, a differenza di altre gang distinte per nazionalità, erano composte da sudamericani di varia provenienza, tra peruviani, ecuadoriani, argentini, abitanti in tutta Milano.

A RAPINARE CON CATENE E MAZZE - Uscivano di casa armati di mazze e catene, si ritrovavano al Parco Trotter, in zona via Padova, dove su un muro avevano scritto il nome della propria banda per essere riconosciuti e rispettati. Sono 24 gli episodi contestati dagli investigatori. Minacciavano le vittime, le picchiavano e si facevano consegnare cellulari, lettori mp3 all'ultima moda, giubbotti, occhiali da sole. I giovani bloccati dagli agenti avevano tra i 15 e i 23 anni, tutti con precedenti per reati contro il patrimonio, contro la persona, danneggiamento e lesioni.

LAP DANCE IN METRO - C'erano anche quattro donne minorenni tra i 26 giovani rapinatori sudamericani bloccati questa mattina dalla polizia. Le appartenenti alla banda, come testimoniato da un video reperibile in rete, erano sottoposte un «rito di iniziazione», in cui venivano prese a cinghiate da altre giovani. Le donne inserite nella gang avevano poi un ruolo attivo anche durante le rapine. Entravano in azione insieme ai propri fidanzati, incitandoli a colpire e impossessarsi dei cellulari delle vittime. Giovanissime e spigliate, si riprendevano in metropolitana durante esibizioni di «lap dance» improvvisate sui pali presenti all'interno delle carrozze per reggersi lungo il viaggio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgominata banda minorenne di latinos, le "rapine" in rete

MilanoToday è in caricamento