Cronaca Trenno / Via Cascina Bellaria

Rave al parco di Trenno, le zone preparano una delibera

Proposta una nuova delibera. L'assessore Granelli: "Responsabilizzare i consolati". Perplessa l'opposizione ma nessun contrario

Martedì sera, nella sede del consiglio di zona 7, si è tenuta la seduta congiunta delle commissioni sicurezza dei consigli di zona 7 e 8 sul tema dei rave organizzati da gruppi di sudamericani al parco di Trenno.

La necessità di coinvolgere due zone deriva dal fatto che il parco è in zona 7 ma il quartiere di Trenno in zona 8. I problemi consegenti ai rave party del sabato sera, quindi, si ripercuotono su entrambi i territori. Già una volta, ad agosto, si è rischiato il morto. Alla seduta hanno partecipato anche il comandante dei vigili urbani Tullio Mastrangelo e l'assessore alla sicurezza Marco Granelli. Il tema dei rave non è nuovo, tant'è vero che la zona 7 se n'era già occupata fin dal 2007 con una delibera che invitava a maggiori controlli. Controlli che però Mastrangelo ha definito complessi, per il grande numero dei partecipanti ai rave e perché si investono questioni di ordine pubblico, di competenza più che altro delle forze dell'ordine.

Mastrangelo ha anche ricordato che al sabato sera la polizia locale è spesso impegnata a presidiare lo stadio per le partite, e non altro personale da destinare a controlli altrove. Il risultato della seduta è la stesura di una delibera che verrà presentata nei due consigli di zona. Nessun voto contrario, solo pochi astenuti soprattutto tra i banchi della Lega Nord.

Ecco i punti salienti della delibera. In primo luogo si chiede ai vigili e alla polizia di intensificare la vigilanza preventiva, in applicazione della normativa, compresi i limiti di decibel previsti. "Questa - ci spiega Lorenzo Boati, presidente della commissione sicurezza di zona 7 - è già una prima diversità rispetto al passato. Si chiede infatti una cosa specifica e non genericamente di interessare la polizia locale, risaltando l'azione preventiva". In secondo luogo la delibera impegna l'Amsa a pulizie straordinarie il giorno successivo ai party.

Ma soprattutto prevede l'istituzione di un tavolo congiunto tra le zone, la polizia locale, il comune e i referenti delle comunità interessate, anche con la presenza di mediatori culturali madrelingua, per trovare una soluzione condivisa.

L'idea di coinvolgere in particolare i consolati è stata portata dall'assessore Granelli, che (ha spiegato) ha già funzionato in un'altra area in passato con gli ecuadoregni. Ci spiega sempre Boati: "Lo scopo è quello di capire se queste feste sono organizzate da qualcuno, se i partecipanti sono sempre gli stessi o no, insomma monitorare la situazione più dall'interno per costruire insieme una soluzione condivisa e duratura. L'assessore ha comunque assicurato che in determinati casi si potrà procedere a sequestri, ad esempio di bevande alcoliche vendute illegalmente o di casse e amplificatori, ma ciò non può avvenire tutte le volte". 

Scettico il consigliere di zona 7 del Pdl Alessandro De Chirico: "Noi di centro-destra abbiamo delle responsabilità perché siamo noi ad avere governato la zona per tanti anni. Adesso si sono dati un anno di tempo per sperimentare questa idea del tavolo con i consoli, secondo loro è la migliore. Speriamo che tra un anno non saremo allo stesso punto".

E soddisfatta a metà anche la capogruppo dell'Italia dei Valori in zona 7, Elena Tagliaferri: "Il problema è soprattutto che le delibere precedenti, a partire da quella del 2007, non sono state applicate. C'è un regolamento del verde pubblico, lo si rispetti". La delibera passerà ora nei consigli di zona. In particolare, in zona 7 tra due settimane, perché la seduta di lunedì 19 ha un ordine del giorno già calendarizzato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rave al parco di Trenno, le zone preparano una delibera

MilanoToday è in caricamento