menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Razzismo allo stadio, Grittini (Lega): "Montatura vergognosa"

Riccardo Grattini, l'assessore del Comune di Corbetta indagato per i cori razzisti in Pro Patria-Milan, ha affidato a un comunicato la sua versione dei fatti

Definisce le accuse di razzismo nei suoi confronti "una montatura vergognosa" e si dice pronto "a incontrare anche domani Boateng per dimostrargli chi sono davvero e mettere fine a questa brutta storia": Riccardo Grattini, l'assessore del Comune di Corbetta indagato per i cori razzisti in Pro Patria-Milan, ha affidato a un comunicato la sua versione dei fatti.

"Non sono un ultras, vado allo stadio poche volte all'anno e stavo facendo dei classici cori di disturbo rivolti indistintamente a tutti i giocatori del Milan - ha spiegato - La mia vita, il mio percorso sportivo e la mia attività politica dimostrano senza ombre di dubbio quanto i miei valori siano esattamente l'opposto di qualsiasi sentimento razzista o discriminatorio".

"Sono pronto a incontrare anche domani Boateng per dimostrargli chi sono davvero e mettere fine a questa brutta storia", ha aggiunto Grittini, che ha poi aggiunto che "il razzismo e la discriminazione non so davvero cosa siano". "Per evitare di coinvolgere il Comune di Corbetta - conclude - ho rimesso le mie deleghe da assessore allo Sport e alle Politiche giovanili: mi spiace perché stavo organizzando delle iniziative culturali e sportive per le persone con disabilità. Questi sono i miei valori, lo ripeto, lo dimostrano i fatti. Le altre sono invenzioni".

Anche il sindaco di Corbetta Antonio Balzarotti (protagonista di un fuorionda imbarazzante)ha chiarito le frasi successive all'intervista concessa a Sky: "Spero emerga chiaro - ha spiegato in un comunicato - il fatto che la parola 'negher' è stata utilizzata unicamente per il fatto che la frase è pronunciata in dialetto, non certo con finalità offensive né denigratorie verso alcuno" e "nel seguito esprimevo tutta la mia preoccupazione per un capo di imputazione gravissimo; questo, spero emerga chiaramente rispetto alla accusa che mi è stata mossa di trattare con superficialità e lentezza questa tristissima vicenda".

"Mi rendo conto - ha concluso Balzarotti - che l'episodio sia giustamente assurto a caso mediatico essendo coinvolto proprio un Assessore allo sport, ma ritengo doveroso meglio precisare il mio pensiero riguardo a questa bruttissima vicenda ribadendo con questa mia nota una condanna netta e ferma di ogni forma di razzismo ed istigazione ad esso".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento