Cronaca Precotto / Via Roberto Tremelloni

Doveva diventare residenza per anziani: abbandonata e occupata

Il costruttore è in liquidazione. E resta lo "scheletro" di cemento armato, in cui dormono decine di disperati

La residenza per anziani nel quartiere Adriano

Doveva diventare una residenza per anziani. E' uno scheletro abbandonato. Siamo in via Adriano, tra via Mulas e via Tremelloni. Attorno, palazzine nuove. E il blocco di cemento armato che rappresenta uno dei tanti edifici in stato di abbandono nella città di Milano.

E' una delle eredità della messa in liquidazione dell'impresa di Giuseppe Pasini, costruttore edile che nel quartiere Adriano ha realizzato, o iniziato a realizzare, anche altri edifici, meglio noto per essere stato il "grande accusatore" dell'ex presidente della provincia di Milano (ed ex sindaco di Sesto San Giovanni) Filippo Penati. D'altra parte, siamo proprio al confine tra Sesto e Milano. 

Il comune di Milano aveva chiesto di requisire l'area della residenza per anziani, ritenendo un peccato demolirla. Ma la prefettura ha respinto la richiesta, per cui la situazione si è bloccata. In gioco anche gli oneri di urbanizzazione, per realizzare quello che nel frattempo è diventato il parco Adriano, poco distante. 

La residenza mai finita è una delle ferite della città di Milano, eredità di una grande area ex industriale che, nella riconversione a servizi e abitazioni, è rimasta in parte incompiuta. Non è l'unico esempio di una città in cui, soprattutto nei quartieri periferici, non è raro imbattersi in palazzi soprattutto del terziario (e in primo luogo destinati a uffici) lasciati vuoti, mai affittati o addirittura mai terminati. Qualche esponente politico locale ha utilizzato queste ferite per spiegare la sua contrarietà alle nuove realizzazioni di CityLife e Porta Nuova, che però non sono nemmeno lontanamente paragonabili.

Il problema, infatti, è che nel frattempo sono mutati gli standard, sono mutate le richieste. Così Unicredit va a Porta Nuova, mentre non sarebbe mai andata a riempire i palazzi vuoti di Torre Galfa (che va completamente ristrutturata) o - peggio - del quartiere Bonfadini-Taliedo. Solo per fare due esempi.

Tornando alla residenza per anziani del quartiere Adriano, quello scheletro nel frattempo si è popolato. Ci vivono sbandati, pare si spacci droga. Passandoci, si notano piccole tracce: un passeggino semi abbandonato nel "cortile" di sterpaglie, qualche coperta per coprire i "vuoti" nei piani alti. Il comune attende di poter entrare in possesso delle fidejussioni depositate, con cui erano garantiti alcuni interventi di urbanizzazione, ma del destino dello "scheletro" non si sa nulla.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Doveva diventare residenza per anziani: abbandonata e occupata

MilanoToday è in caricamento