Cronaca Sant'Ambrogio / Via Santa Valeria

Lavori stradali a Milano: scoperta per caso antica basilica francescana

Durante alcuni scavi in via Santa Valeria sono stati trovati i resti di una basilica francescana fatta demolire da Bonaparte nel 1798

Caserma "Garibaldi"

Durante i lavori stradali in via Santa Valeria, sono stati rinvenuti dei resti di un muro perimetrale del monastero dei frati francescani, oggi ufficio logistico della polizia di Stato. L'ordine fu soppresso per decreto della Repubblica Cisalpina, nel 1798, dal generale Bonaparte con conseguente demolizione sia della chiesa che del monastero. Su quell'area nel 1805 furono iniziati i lavori di costruzione della caserma "Garibaldi".

Dall'inizio di agosto stanno lavorando sul posto quattro archeologi della soprintendenza dei beni della Lombardia, ma a fine mese i lavori inizieranno nuovamente e andranno a coprire quanto rinvenuto.

Sempre in via Santa Valeria, all'altezza dell'incrocio con via Necchi, duranti i lavori sono riafforiati dei mattoni a lisca di pesce.

Questi mattoni, come riporta il Corriere, che andavano a formare una costruzione curvilinea sono «in mezzo ad una fossa di due metri per due, segnata in superfice da dei regolari blocchi di granito - spiega Victor Rafael Veronesi, giovane storico dell’arte che ha a lungo studiato le vicenda della chiesa di San Francesco - la continuità di questa parete di mattoni e pietra viene rotta da un pozzo di fattura moderna (XVII-XIX sec ca.), da tumulazioni di varia epoca e fattura, da una colonnina quattrocentesca, oltre che da canaline di scolo - aggiunge lo storico - nella parte più profonda del foro si intravede un corso in mattoni rossi a lisca di pesce, risalente a fasi senz’altro più antiche, o prossime al XI - XV secolo».

In quella area era situato il convento francescano di San Francesco Grande «dove era presente il famoso dipinto di Leonardo ‘Vergine delle Rocce’». «Da una attenta visione della mappa di attivazione della carta del catasto teresiano di Milano - conclude Veronesi - l’area degli attuali scavi sembrerebbe corrispondere ad uno spazio pertinente proprio a quest’ultimo edificio».

L'archeologo Aristide Calderini durante gli anni quaranta del novecento riesumò una parte dell'edificio che era stato demolito per costruire la caserma. Nel XVII secolo la chiesa di San Francesco era la più grande di Milano dopo il Duomo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori stradali a Milano: scoperta per caso antica basilica francescana

MilanoToday è in caricamento