Vendono dopanti in tutt'Italia attreverso Facebook e Instagram: indagati milanesi

Vasta operazione dei carabinieri di Ascoli Piceno che hanno smantellato un giro da 500mila euro. I responsabili dovranno rispondere delle accuse di ricettazione, utilizzo di farmaci per alterare le prestazioni degli atleti e importazione illegale e vendita di medicinali

L'operazione 'Easy Muscles'

Una rete dedita al traffico di farmaci dopanti che operava in 14 regioni italiane. È quanto hanno scoperto i carabinieri di Ascoli Piceno e il Nas di Ancona nell'ambito dell'operazione denominata 'Easy Muscles'. Tra gli indagati anche alcuni milanesi.

Le indagini hanno consentito di individuare decine di italiani ritenuti responsabili di ricettazione, utilizzo o somministrazione di farmaci o di altre sostanze al fine di alterare le prestazioni agonistiche degli atleti, nonché importazione illegale e vendita di medicinali al pubblico a distanza mediante i servizi della società dell'informazione senza autorizzazione.

Un giro da 500mila euro

L’indagine, iniziata nel 2018 nelle Marche, si è presto allargata a tutta Italia, compresa la provincia di Milano, consentendo di individuare decine di persone, atleti di varie discipline sportive e frequentatori di palestre, che acquistavano e rivendevano dopanti. Nel corso di 55 perquisizioni in 30 province italiane sono stati sequestrate migliaia di confezioni di farmaci dopanti, tra cui nandrolone, testosterone, ormone della crescita e steroidi anabolizzanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli indagati residenti a Milano e in altre 29 province era impegnati a proporre attraverso i social ingenti quantitativi di farmaci ad effetto dopante sia a consumatori che a rivenditori al dettaglio. I dopanti, rivenduti illegalmente, venivano importati da paesi dell’est Europa come la Bulgaria e la Polonia o dal mercato italiano, dove erano acquistati attraverso ricette mediche falsificate. I militari hanno stimato che il giro d'affari fosse di oltre 500mila euro. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Non è affatto detto che Milano torni a essere quella di prima

  • Rapinatore bloccato con un pugno in faccia da un passeggero: fermato e liberato 24 ore dopo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento