Prende a pugni un uomo per una precedenza: 67enne denunciato, "scusate è lo stress"

La follia lunedì nel Pavese. L'uomo, un 67enne, ha chiesto scusa, a modo suo

Ha sferrato quattro pugni in pieno volto al rivale ed è andato via. Poi, quando è stato rintracciato, ha ammesso tutto senza problemi e ha chiesto scusa, a modo suo. Un uomo di 67 anni, un cittadino italiano residente nel Pavese, è stato denunciato martedì dai carabinieri con l'accusa di lesioni personali per aver aggredito un automobilista per una mancata precedenza. 

Teatro della follia, avvenuta il giorno precedente, è stata la provinciale 39 di Bressana Bottarone. Lì, in mattinata, una pattuglia era stata fermata da un uomo sanguinante che aveva spiegato che uno sconosciuto lo aveva colpito con quattro pugni in piena faccia dopo una lite per motivi di viabilità. Il ferito - poi portato in ospedale con una prognosi di 7 giorni - era riuscito anche a prendere marca, modello e parte della targa dell'auto dell'aggressore, che aveva immediatamente consegnato ai militari. 

Proprio grazie ai dati e alla visione delle telecamere di video sorveglianza della zona, i carabinieri sono riusciti a identificare il 67enne e a ricostruire il suo percorso di fuga. Martedì l'uomo è stato chiamato in caserma e quando i militari gli hanno spiegato l'accusa, lui ha subito ammesso, ha chiesto scusa e ha provato a giustificare il suo gesto con un momento di rabbia e stress.

 L'aggressore, che è sposato, pensionato e non ha mai avuto problemi con la giustizia, è stato denunciato a piede libero. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

  • Luci, decorazioni e un 'bosco incantato': in centro a Milano arriva il mega store del Natale

Torna su
MilanoToday è in caricamento