Violenta rissa in via Arquà: giovane sfregiato dall'orecchio al labbro per un debito di 20 euro

Per entrambi l'Ufficio immigrazione sta valutando l'espulsione dal territorio italiano. Il fatto

Repertorio

Gli spacca una bottiglia in faccia, provocandogli un taglio traversale sulla guancia. Uno sfregio giudicato permanente dai medici che lo hanno curato. Una cicatrice da orecchio a labbro che mai si rimarginerà, e tutto per 20 euro. E' quanto rimane di una violenta lite scoppiata tra due ragazzi egiziani di 21 e 19 anni.

Teatro del sanguinoso litigio è via Arquà, all'altezza del civico 16, traversa di via Padova più volte finita sulle pagine di cronaca nera.  Succede domenica sera, attorno alle 22. I primi ad arrivare sul posto sono i poliziotti delle volanti. Secondo la ricostruzione degli agenti la violenta lite è cominciata per un debito di droga di 20 euro.

Ad avere la peggio nella lite è il 21enne. Il ragazzo - rimasto sfregiato al volto - è stato trasportato dal personale del 118 al Fatebenefratelli. Per lui 12 giorni di prognosi.  Il suo avversario è finito in ospedale in codice verde, al San Raffaele. E’ stato fermato dalla polizia in via Clitumbo, parallela di Arquà. E' accusato di lesioni gravissime e resistenza a pubblico ufficiale: una volta sulla volante, infatti, il nordafricano avrebbe cercato di distruggere l'abitacolo a testate.

I due protagonisti hanno precedenti per droga. Per entrambi l'Ufficio immigrazione sta valutando l'espulsione dal territorio italiano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

Torna su
MilanoToday è in caricamento