Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca Gratosoglio / Via Chiesa Rossa

Rissa in via Chiesa Rossa, fracassa la testa del vicino di casa con una pietra: è in coma | Foto

La vittima, la cui identità ancora non è stata rivelata, ha riportato un grave trauma cranico

Il luogo dell'aggressione (Foto B&V Photographer)

Lotta tra la vita e la morte al Policlinico dopo un'aggressione da parte del vicino di casa. Il ferito, un uomo di 62 anni, è stato colpito con una grossa pietra sul cranio, attorno alle 10.45 di mercoledì 16 agosto, all'angolo tra via Chiesa Rossa e via Francesco De Santis, nel quartiere Stadera, in una Milano quasi 'deserta'. 

Rissa in strada

A dare la notizia è l'Azienda regionale emergenza urgenza che sul posto è intervenuta con un'ambulanza e un'automedica in codice rosso. Secondo le prime informazioni della centrale operativa, la vittima, Salvatore D. S., originario del catanese, ha riportato un grave trauma cranico. La sua prognosi, per il momento, è riservata, ed è in stato di coma. Sono state diverse le chiamate ricevute dal 118 perché l'uomo era rimasto a terra in un lago di sangue.

L'aggressione con una pietra

Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Nucleo radiomobile e la polizia. Il ferito è stato colpito con una pietra - una grossa mattonella - sulla testa da un suo vicino di casa marocchino, un 26enne noto per essere 'molesto', secondo alcuni testimoni. L'aggressore è stato fermato dai militari - incaricati delle indagini - con l'accusa di tentato omicidio. E' regolare, con piccoli precedenti per reati contro il patrimonio ed era seguito dal centro psico-sociale dell'ospedale San Paolo.

Video: la rissa in mezzo alla strada

video-143-2

Sul posto dell'agguato, i carabinieri hanno trovato l'arma del reato: due grosse mattonelle di cemento armato e graniglia. Non è ancora chiaro il motivo che ha spinto l'aggressore a colpire il 62enne, probabilmente il muovente è da ricercare in liti e beghe condominiali: entrambi risiedono in un'edificio di via Nicola Palmieri, a pochi passi dal punto dell'assalto. Il marocchino ha riferito ai militari che da giorni era vittima di insulti e offese 'gratuite' da parte dell'italiano, anche lui con precedenti di polizia. 

L'arresto è stato eseguito pochi minuti dopo l'episodio. I militari, entrando da una finestra, lo hanno bloccato nella sua abitazione dove si era nascosto. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa in via Chiesa Rossa, fracassa la testa del vicino di casa con una pietra: è in coma | Foto

MilanoToday è in caricamento