rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Castello / Piazzale Luigi Cadorna

Trenord, la domenica scomparsa: Cadorna stazione "fantasma"

Ai (soliti) problemi di software, s'aggiunge lo sciopero Orsa: decine di treni cancellati. Nessun bus sostitutivo. Qualcuno, a Cadorna, in lacrime: "Come torno a casa?". Da lunedì torna vecchio gestionale

Una giornata "devastante" per chi doveva viaggiare in treno. Banchine di accesso ai treni chiuse al pubblico e treni soppressi nella stazione di Cadorna, la principale di Trenord, a Milano, domenica 16 dicembre. E' "immensi" problemi anche in Centrale. 

E' questo il quadro che è apparso ai viaggiatori che hanno fatto ingresso in una delle principali stazioni del servizio ferroviario lombardo. Sul cartellone che indica le partenze e gli arrivi dei convogli sono presenti solo soppressioni e addetti alla sicurezza impediscono l'accesso ai tornelli. Domenica, infatti, alle ormai "solite" difficoltà al nuovo software per la gestione del personale, si è aggiunto un partecipato sciopero Orsa. 

Anche in stazione Centrale si sono verificati gli stessi problemi. Nella notte terminerà lo sciopero. Per lunedì, inoltre, Trenord ha confermato si tornerà al vecchio sistema di gestione turni, abbandonando, per ora, il nuovo gestionale. 

"Non parte niente, da stamattina, é inutile aspettare, andate via". Con queste parole, ripetute probabilmente centinaia di volte, un addetto di Trenord, con il cappello da ferroviere, cerca di convincere i presenti a non sostare inutilmente nella stazione di Cadorna. Sospeso anche il Malpensa Express, sostituto con un pullman che porta direttamente all'aeroporto senza le fermate previste dal treno. Negli androni il via vai dei viaggiatori è costante, entrano, vedono i cartelloni con gli orari ed escono.

Ma in diversi non capiscono, o forse semplicemente sperano che la situazione si sblocchi. Ci sono alcuni stranieri che fanno fatica a capire la situazione ma soprattutto non sanno come fare data l'assenza di un servizio sostitutivo organizzato, c'é la studentessa che non sapeva dello sciopero e che avvisa i genitori che non sa come tornare a casa, c'é qualche viaggiatore seduto, che aspetta non si sa cosa.

"Io sono andata all'ufficio informazioni per chiedere come potevo arrivare a Laveno - dice una signora con due figlie -, mi hanno risposto di non potermi aiutare. Hanno guardato per me su internet l'orario delle normali linee dei bus autostradali che coprono la regione Lombardia, ma l'unico che poteva portarmi a casa a un orario decente è già passato". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trenord, la domenica scomparsa: Cadorna stazione "fantasma"

MilanoToday è in caricamento