rotate-mobile
Cronaca Ortica / Via Arcangelo Corelli

Rivolta nel Cie, a fuoco materassi. De Corato: "E' pieno, ne serve un altro"

Sommossa ieri nel Cie di via Corelli. 7 immigrati sono stati arrestati: divelte finestre e bruciati materassi. De Corato: "Per arginare questi episodi occorre costruire nuove strutture perché via Corelli è strapieno e non basta più"

"Non c’è alcun problema, come chiede Boni, a condannare le proteste dei clandestini nei Cie. Ci mancherebbe. Ma per arginare questi episodi, che puntualmente si ripetono, occorre costruire nuove strutture perché via Corelli è strapieno e non basta più. Il ministro dell’Interno aveva del resto garantito la costruzione di 10 nuovi Cie entro il 2009, ma finora non si è visto nulla. Ed era stato lo stesso Maroni, in una perfetta disamina, a dire che in fatto di localizzazione fossero da privilegiare le aree aeroportuali, in modo da facilitare i rimpatri”.

VETRI E FINESTRE ROTTE - Chi parla è il vicesindaco di Milano Riccardo De Corato, commentanto l'ennesima "rivolta" al Cie (Centro identificazione ed espulsione) di via Corelli, periferia Est della città. Ieri un episodio di insofferenza: 7 cittadini tunisini sono stati arrestati per incendio doloso e danneggiamento. Saranno processati domani per direttissima. Secondo quanto riportato dalla questura, gli stranieri - a loro dire tunisini, ma è in corso l'identificazione - avrebbero divelto i montanti delle finestre, rotto i vetri e dato fuoco ad alcuni materassi ammassati in uno stanzone del settore C del centro.

La situazione è stata riportata alla normalità grazie all'intervento congiunto di polizia e carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rivolta nel Cie, a fuoco materassi. De Corato: "E' pieno, ne serve un altro"

MilanoToday è in caricamento