Cronaca

Corruzione di testimoni, Berlusconi e altre 44 persone indagate

Si chiamerà "Ruby Ter" l'inchiesta che vede coinvolto l'ex premier, i suoi legali, due parlamentari e altri ancora. L'ipotesi è che siano stati corrotti alcuni testimoni

Ruby in Tribunale

Ufficialmente indagati Silvio Berlusconi e i suoi difensori, gli avvocati Niccolò Ghedini e Piero Longo. L'inchiesta, già ribattezzata "Ruby Ter", è relativa all'ipotesi di "corruzione in atti giudiziari": in particolare, l'ex presidente del consiglio e i suoi legali avrebbero corrotto alcuni testimoni nel processo principale, e per questa ragione sono indagate in tutti 45 persone tra cui "Ruby" e alcune delle ragazze che partecipavano alle serate ad Arcore. Secondo quanto viene comunicato, nelle indagini sono coinvolti anche il giornalista Carlo Rossella, i parlamentari Valentino Valentini e Maria Rosaria Rossi e il funzionario della questura milanese Giorgia Iafrate.

"L'iscrizione è un atto dovuto", ha precisato Edmondo Bruti Liberati, procuratore capo a Milano. L'inchiesta è stata affidata a Piero Forno e Luca Gaglio. Secondo quanto viene comunicato, il fatto illecito risiederebbe nel versamento mensile di oltre duemila euro a persone che dovevano testimoniare al processo. L'indagine era partita con le sentenze del processo Ruby e del Ruby Bis. Erano stati gli stessi giudici penali a segnalare le ipotesi di reato da cui partirà il Ruby Ter.

Intanto si è saputo che Silvio Berlusconi avrebbe smesso di corrispondere alle cosiddette "olgettine" (le ragazze delle cene) una specie di "paga" mensile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corruzione di testimoni, Berlusconi e altre 44 persone indagate

MilanoToday è in caricamento