Peschiera, code come nei super durante il lockdown. Ma per ritirare i "sacchi personalizzati" dei rifiuti

Disagi nell'ultimo giorno di distribuzione, che però verrà prolungata. Ma i cittadini lamentano che ne vengono consegnati pochi. Dal 14 settembre sono obbligatori

Foto Fb

Code ben distanziate di persone con mascherine al volto. L'inevitabile conseguenza, durante i mesi di lockdown da covid, per non creare assembramenti presso supermercati, negozi di alimentari e farmacie: ma la stessa scena si è ora ripetuta, per un'altra ragione, a Peschiera Borromeo, alle porte di Milano. 

Il 12 settembre era l'ultimo giorno utile per la distribuzione dei sacchi "personalizzati" dei rifiuti, da utilizzare d'ora in avanti. Da lunedì 14, infatti, la raccolta differenziata può essere effettuata esclusivamente con i sacchi forniti di codice a barre forniti dal Comune. Lo scopo è evidente: individuare a colpo sicuro i responsabili degli "errori" nella differenziazione dei rifiuti. Anche se l'amministrazione promette che non verranno elevate multe a raffica, almeno nelle prime due settimane.

A febbraio era iniziata una prima distribuzione dei nuovi sacchi, che poi ovviamente s'era interrotta per la pandemia; poi, in estate, è iniziata una seconda distribuzione. Tuttavia la coda che si è venuta a creare il 12 settembre parla chiaro, ed infatti l'amministrazione comunale, sul sito ufficiale, si è scusata con la cittadinanza per il disagio.

Non sarà, probabilmente, l'unico disagio che i cittadini di Peschiera Borromeo affronteranno. Si è infatti saputo che ogni nucleo familiare potrà contare su massimo un centinaio di sacchi (per l'indifferenziato e per la plastica) ogni anno, da ritirare due volte. Un limite che, secondo alcuni, è teso ad invogliare a non sprecare rifiuti, anche se per altri è comunque troppo stringente. Facendo due conti, significa che non si potrà gettare la spazzatura ogni giorno. Alcuni temono che le campagne intorno a Peschiera diventeranno "mini discariche".

Il Comune intanto è corso ai ripari per limitare i disagi: dal 14 al 18 settembre una sala del municipio verrà attrezzata, dalle 8 alle 13, per proseguire eccezionalmente la distribuzione dei sacchi, ed è prevista l'installazione di distributori automatici nel territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Coronavirus, fa paura la variante brasiliana del covid, Galli: "È una cosa pesante purtroppo"

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, il negozio vieta l'ingresso "alle persone vaccinate di recente": il cartello diventa virale

Torna su
MilanoToday è in caricamento