rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca San Giuliano Milanese

San Giuliano, picchiata per l'amico su Facebook

Aggredita da quattro coetanee per aver aggiunto come amico su Facebook un ragazzo conoscente comune. Denunciate dai carabinieri, la vittima ne avrà per 8 giorni

Lo aveva contattato sul social network Facebook e per questo l'ha pagata cara. Una ragazzina di 17 anni, lunedì sera, è stata assalita da quattro coetanee, rapinata e picchiata per strada e lasciata dolorante sul marciapiede. Il fatto è successo un paio di giorni fa a San Giuliano Milanese ma si è saputo solamente questa mattina.

La colpa della ragazzina che le è costata l'aggressione del branco sembra essere stata quella di essersi intrattenuta su internet con un ragazzo, amico delle quattro coetanee. La conversazione fra i due le ha fatte ingelosire tanto da decidere di fargliela pagare cara. I carabinieri però, sono riusciti in breve tempo a rintracciare le ragazzine e a denunciarle per aggressione. La 17enne, vittima della loro furia, se la caverà con otto giorni di prognosi: tanto le hanno scritto sul referto i medici dell'ospedale di Vizzolo Predabissi, nel milanese, dove era stata accompagnata.
  Le ragazzine l'hanno picchiata e rapinata  

GLI AGGIORNAMENTI

25 marzo ore 9.45 – La vittima “chattava” con il fidanzato di una delle quattro amiche . La giovane vittima, 17 anni ucraina, è stata scaraventata a terra e letteralmente pestata dal gruppo delle coetanee. La sua colpa, secondo gli inquirenti, è stata quella di scambiarsi sulla bacheca di Facebook, messaggi con il fidanzatino di una delle quattro. Dopo l'aggressione, nella quale alla ragazza è stato portato via il cellulare, la giovane ha riferito tutto alla mamma che l'ha accompagnata dai carabinieri. Rintracciate subito le quattro coetanee, scappate a bordo di un'auto segnalata da alcuni testimoni. Sono state denunciate per concorso in rapina e lesioni personali.


Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Giuliano, picchiata per l'amico su Facebook

MilanoToday è in caricamento