Cronaca

Scappa da comunità ma perde cellulare: fa finta che gliel'abbia rubato il fidanzato

La giovanissima, una 14enne, è stata denunciata

La stazione di Valle Lomellina

Aveva denunciato di essere stata rapinata dal proprio fidanzato, nella stazione ferroviaria di Valle Lomellina (Pavia), dopo un litigio. Ma si trattava di una storia completamente inventata. La giovanissima (una 14enne nata in Egitto e residente a San Donato Milanese) è stata incastrata e denunciata dai carabinieri di Vigevano, che hanno analizzato i filmati della sorveglianza della stazione arrivando alla verità.

La 14enne era scappata da una comunità per minori ma poi aveva dimenticato il suo zainetto con il telefono e alcuni oggetti personali presso la stazione di Alessandria. Per ragioni ancora da chiarire si è quindi inventata la storia. Secondo il suo racconto, il fidanzato di 20 anni (un connazionale senza fissa dimora che, come poi è emerso, l'aveva aiutata a scappare), l'avrebbe picchiata e le avrebbe rubato lo zainetto per poi allontanarsi, non senza prima minacciare con un coltello anche il fratello 18enne della ragazza, che abita a Milano e che l'ha accompagnata in caserma a sporgere la falsa denuncia.

I carabinieri ci hanno messo poco a ricostruire i fatti reali. Dalle immagini delle stazioni hanno visto che a Valle Lomellina non era avvenuto alcun litigio, né tantomeno una rapina, mentre i fotogrammi di Alessandria hanno mostrato la ragazza dimenticarsi lo zainetto (che poi effettivamente è stato recuperato lì). 

Non è tutto: per "coprire" la sua fuga dalla comunità, la ragazza si è presentata con le generalità inventate di una 18enne. Per questo motivo, oltre che di simulazione di reato, risponde anche di false dichiarazioni sulla propria identità personale. La 14enne è stata ricollocata nella comunità in cui era ospite, secondo la disposizione del magistrato per i minorenni di Milano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scappa da comunità ma perde cellulare: fa finta che gliel'abbia rubato il fidanzato

MilanoToday è in caricamento