rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca Corvetto / Via Giovanni Battista Cassinis

Milano, la folle fuga del pusher: di corsa sui binari della metro, inseguito e arrestato

In manette un 36enne, cittadino marocchino, fermato dalla polizia con un chilo di eroina

Prima ha accelerato il passo, sperando di non dare troppo nell'occhio. Poi, una volta che ha capito di essere nel mirino, ha tentato una fuga decisamente spericolata, ma inutile. Un uomo di 36 anni, un cittadino marocchino con precedenti e già colpito da un divieto di dimora nel comune di Milano, è stato arrestato lunedì pomeriggio con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

Per lui i guai sono iniziati alle 14 in via Cassinis, dove ha incrociato una Volante della Questura. Alla vista dell'auto della polizia, il 36enne ha cercato di allontanarsi, evidentemente per non farsi controllare. Così i poliziotti si sono avvicinati ulteriormente e a quel punto l'uomo è sceso di corsa nel mezzanino della metropolitana di Porto di Mare, ha scavalcato i tornelli e ha poi iniziato a correre sui binari dopo aver nascosto un sacchetto dietro a un pilastro. 

Gli agenti si sono subito messi sulle sue tracce e lo hanno bloccato proprio sui binari, riuscendo a riportarlo in banchina e ad ammanettarlo. Nella busta, poi recuperata dai poliziotti del commissariato Scalo Romana, c'erano due panetti di eroina per un peso totale di un chilo. Per il 36enne, che già in passato aveva avuto guai con la giustizia per spaccio, si sono così aperte le porte del carcere. 

La stessa sorte meno di due ore prima era toccata a un 50enne cittadino del Gambia, con precedenti. Anche per lui la manette sono scattate in metropolitana, nella fermata di Turati. Lì l'uomo è stato puntato da un cane poliziotto e poi perquisito dagli agenti, che lo hanno trovato in possesso di 29 grammi di marijuana e 50 euro in contanti. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, la folle fuga del pusher: di corsa sui binari della metro, inseguito e arrestato

MilanoToday è in caricamento