rotate-mobile
Cronaca

Non cancella video pedofili, viene incastrato da informatico

Un milanese porta il pc ad aggiustare in un centro informatico per un guasto: ma si dimentica di cancellare una cartella zeppa di video pedopornografici. Arrestato

Aveva scaricato materiale pedopornografico dal web. Poi ha portato il computer a riparare per banale guasto, dimenticandosi di eliminare una cartella (non criptata) contenente una decina di video in cui giovanissimi sono intenti in rapporti sessuali.

Il tecnico informatico non ci ha pensato due volte a denunciare la cosa alla polizia postale, e l'uomo è stato è stato condannato a un anno e 8 mesi di reclusione con la sospensione condizionale della pena. È accaduto a un 40enne milanese, incensurato, che invano aveva tentato la strada del patteggiamento con il pm Stefania Carlucci.

Di fronte alla richiesta di rinvio a giudizio, ha chiesto di accedere al giudizio abbreviato, che concede lo sconto di un terzo della pena come il patteggiamento. E la condanna è stata inflitta dal giudice per l'udienza preliminare Simone Luerti. L'imputato risponde di detenzione di materiale pedopornografico, scaricato da internet.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non cancella video pedofili, viene incastrato da informatico

MilanoToday è in caricamento