Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca Feltre / Via Feltre

Schiuma nelle acque del Lambro (e nel Naviglio): colpa di scarichi chimici?

Le acque del fiume sono diventate semi-bianche, come accadeva nei (tristi, parlando d'inquinamento) anni Ottanta. Maran: "Fenomeno cicliclo, si stanno facendo tutte le verifiche del caso"

Una famiglia pesca nel fiume (foto Sardone)

La schiuma bianca nel fiume Lambro era retaggio di molti anni fa, quando gli scarichi di aziende a nord di Milano rendevano il fiume il più inquinato d'Italia. Ebbene, le schiume sono tornate. E ben visibili. Probabilmente il fenomeno è lo stesso: scarichi di agenti chimici.

Lo ha denunciato Silvia Sardone, consigliera di zona 2 di Forza Italia. L'assessore all'ambiente Pierfrancesco Maran ha già risposto sollecitando anche la regione a fare i controlli necessari, ma spiegando che comunque si tratta di fenomeni ciclici, che ogni tanto durante l'anno si ripetono.

"Si tratta di un fenomeno – spiega la Sardone – causato dal probabile versamento di agenti chimici nelle acque da parte di qualche azienda dell’hinterland milanese, su cui andrebbe fatta chiarezza per accertare le responsabilità e applicare le sanzioni del caso. Un compito che spetta agli enti preposti, all’Arpa. in particolare, cui mi appello perché intervenga in modo sollecito. Al comune di Milano toccherebbe invece assicurarsi che non vi siano rischi per la salute pubblica, transennando le rive per inibirne l’accesso a persone e animali d’affezione, per evitare che entrino anche involontariamente in contatto con acque potenzialmente pericolose".

"C’è chi si alimenta con ciò che si può pescare in quelle acque - continua Sardone -, dove la maggior parte di noi non metterebbe mano. Ho assistito io stessa alla pesca effettuata da alcuni nomadi, fra cui un bambino, constatando che non si trattava di pesca sportiva e che il pesce catturato non veniva rilasciato, ma riposto in un sacchetto per essere portato via. E questo è molto pericoloso". 

Problemi anche nel Naviglio, forse a causa di un depuratore di Sant'Antonino Ticino, frazione di Lonate Pozzolo, che a causa della pioggia di venerdì avrebbe avuto quaclhe mal funzionamento. Il sindaco di Turbigo Christian Garavaglia ha inoltre dichiarato si muoverà con la magistratura per capire le responsabilità. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Schiuma nelle acque del Lambro (e nel Naviglio): colpa di scarichi chimici?

MilanoToday è in caricamento