Cronaca

Sciopero dei mezzi giovedì 6 luglio: a Milano a rischio treni e metro, autobus e tram di Atm

Giornata complicata per i trasporti. A rischio stop i treni regionali e i mezzi di Atm

Giovedì 6 luglio è il giorno dello sciopero dei mezzi a Milano. A fermarsi, in due diverse fasce orarie, saranno sia i treni gestiti dal personale di Ferrovienord sia le metropolitane, gli autobus e i tram di Atm. 

Sciopero Atm a Milano: la diretta

Lo sciopero è stato indetto dai sindacati Usb lavoro privato, Sul-Ct e Faisa/Confail, che in realtà avevano già proclamato una prima agitazione per lo scorso 26 giugno. In quel caso, però, la protesta era stata differita dal ministro dei trasporti, Graziano Delrio, che aveva di fatto precettato i lavoratori.

Le sigle sindacali hanno preso il gesto come una sorta di sfida e hanno immediatamente organizzato un nuovo sciopero. 

Sciopero domani a Milano: treni a rischio, gli orari

I primi disagi per lo sciopero di giovedì 6 luglio - proclamato a livello nazionale - potrebbero averli i passeggeri dei treni regionali. 

“Giovedì 6 luglio - si legge in una nota ufficiale di Trenord - è previsto uno sciopero nazionale del trasporto pubblico locale al quale potrà aderire il solo personale appartenente al gestore della linea Ferrovienord”. 

Lo sciopero, spiega l’azienda, avrà “inizio alle ore 09:00 e termine alle ore 13:00”. 

“Sono possibili ritardi, cancellazioni o variazioni sul servizio ferroviario Regionale e Suburbano - evidenzia Trenord - sulle direttrici Laveno/Varese/Como/Novara-Saronno-Milano; Asso/Mariano/Camnago-Seveso-Milano; Brescia-Iseo-Edolo”.

Ma non solo: a rischio anche i collegamenti aeroportuali e i treni delle linee S1, S2, S9 e S13. 

Sciopero domani a Milano: mezzi Atm a rischio

In città, invece, a rischio stop sono i mezzi di Atm: i treni delle quattro linee metropolitane, gli autobus e i tram. 

“Per giovedì 6 luglio - la nota di Atm - le organizzazioni sindacali Usb e Faisa Confail hanno proclamato uno sciopero nazionale del trasporto pubblico locale di quattro ore con modalità che variano da città a città. A Milano l’agitazione è prevista dalle 18 alle 22”.

Sciopero mezzi a Milano: i motivi della protesta

“L’agitazione - ha spiegato Usb - è necessaria per rispondere alla “forte accelerazione, per volontà politica”, che sta spingendo “alla privatizzazione dei servizi pubblici essenziali”.

Una privatizzazione che punta all’obiettivo “dichiarato - hanno sottolineato i sindacalisti - di eliminare almeno ottomila aziende" di trasporto pubblico locale, "con un esubero di personale previsto di oltre trecentomila lavoratori”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero dei mezzi giovedì 6 luglio: a Milano a rischio treni e metro, autobus e tram di Atm

MilanoToday è in caricamento