Cronaca

Sciopero generale dei trasporti venerdì 16 giugno: a rischio metro, bus e treni a Milano

A proclamare lo sciopero sono stati i sindacati Cobas, Cub e Sgb. Tutti i dettagli

Sciopero nazionale del trasporto pubblico locale venerdì 16 giugno. A proclamare lo stato di agitazione, che naturalmente coinvolgerà anche Milano, sono stati i sindacati Cub, Sgb e Cobas lavoro privato. 

Lo sciopero, come informa il ministero delle infrastrutture e dei trasporti, durerà ventiquattro ore e ad incrociare le braccia saranno tutti i lavoratori del Tpl di aziende sia pubbliche sia private. 

“La pratica delle privatizzazioni in questo comparto si è diffusa progressivamente, producendo dissesto economico, disoccupazione, minori servizi all'utenza, riduzione preoccupante dei livelli di sicurezza, dei salari, dei diritti e delle tutele dei lavoratori - attaccano i sindacati nella nota in cui annunciano lo sciopero -. Gli stessi lavoratori subiscono le scelte aziendali che sono dedite al massimo profitto”. 

“Il continuo smantellamento della competenza del pubblico sulla gestione dei trasporti come nelle ferrovie, nel Tpl, con la scellerata deregulation negli aeroporti, dei vettori aerei come Alitalia, ha portato - continuano le sigle - inevitabilmente alla diminuzione dei servizi offerti all’utenza e alla decadenza della qualità di quelli esistenti, con il conseguente aumento delle tariffe e all’espulsione dei lavoratori dai posti di lavoro.

“I trasporti - concludono i sindacati - devono essere di proprietà pubblica e avere finanziamenti certi”. 

Orari dello sciopero di venerdì 16 giugno: a rischio metro e treni

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero generale dei trasporti venerdì 16 giugno: a rischio metro, bus e treni a Milano

MilanoToday è in caricamento