Metro e mezzi Atm fermi per 4 ore, treni per 8: mercoledì 24 luglio c'è lo sciopero generale

A Milano si rischia il caos per lo sciopero proclamato dalle sigle sindacali per il 24 luglio

La mattinata e buona parte del pomeriggio senza treni. Il tardo pomeriggio e la sera senza metro, pullman e tram. Potrebbe trasformarsi nel mercoledì nero dei pendolari il 24 luglio, il giorno scelto dai sindacati di categoria per lo sciopero generale dei trasporti

A Milano sono a rischio blocco i mezzi Atm, i convogli regionali di Trenord e i treni nazionali di Ferrovie dello Stato e Italo. 

L'agitazione, proclamato da Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Faisa Cisal e Fast Confsal come segno di lotta contro il governo, rischia di mettere in ginocchio i trasporti di tutta Italia. 

La diretta dello sciopero: treni e metro a rischio caos

Sciopero a Milano, gli orari dei mezzi Atm

Metro, bus e tram saranno potenzialmente fermi per 4 ore, dalle 18 alle 22.

"Lo sciopero Nazionale Generale dei Trasporti di 4 ore interesserà anche i lavoratori del Gruppo Atm spa", ha fatto sapere l'azienda di Foro Bonaparte, che aveva dovuto fare i conti con un altro sciopero lo scorso 11 luglio

"L’agitazione del personale viaggiante e di esercizio sia di superficie sia della metropolitana è prevista dalle ore 18 alle 22". Stessi orari anche per i pullman delle linee Net, che si occupa del servizio urbano a Monza e dell'extraurbano tra le province brianzole e meneghine. 

A rischio anche Autoguidovie. "Potranno subire ritardi e cancellazioni le linee 201, 220, 222, 230, 328, 423, 431, 433 e Smart Bus - ha segnalato Atm -. Saranno garantite le corse in partenza dai capolinea dall’inizio del servizio alle 18 e dalle 22:01 a fine servizio".

Sciopero trasporti, gli orari Trenord

Sciopero ancora più lungo per i treni regionali. L'agitazione - ha fatto sapere Trenord - "interessa il personale delle infrastrutture ferroviarie Ferrovienord Spa dalle 9 alle 13 e Rfi rete ferroviaria italiana dalle 9 alle 17. Pur non interessando direttamente il personale Trenord, il servizio ferroviario regionale, suburbano, a lunga percorrenza e aeroportuale potrebbe subire variazioni".

"Nello sciopero non sono coinvolte le fasce orarie di garanzia", ha chiarito l'azienda, già coinvolta nello sciopero del 14 luglio. Quindi nella finestra oraria 9-17 si rischia il blocco completo. 

"In caso di non effettuazione dei treni, autobus sostitutivi, senza fermate intermedie, saranno istituiti limitatamente ai collegamenti del servizio Malpensa Express tra Milano Cadorna-Malpensa Aeroporto T1-T2 e Malpensa Aeroporto T1-T2 - Stabio. Da Milano Cadorna - conclude la nota Trenord - gli autobus partiranno da via Paleocapa 1 agli stessi orari di partenza del treno".

A Milano niente sciopero taxi

Metro e treni si fermano, mentre i taxi circoleranno regolarmente. 

Pur esprimendo solidarietà ai lavori del trasporto pubblico locale, le associazioni delle auto bianche hanno infatti deciso, per ora, di non "strappare" col governo. 

“Per quanto riguarda il comparto taxi, auspichiamo che il dialogo già in atto con il Governo continui e si concluda in tempi rapidi, sia per l’accoglimento delle modifiche alla circolare del Ministero degli interni, sia per la regolamentazione delle piattaforme di intermediazione, la disciplina del foglio di servizio e la costituzione dell’apposito registro nazionale delle imprese del settore. Visto che al momento i rapporti con i rappresentanti del Governo non si sono interrotti, riteniamo opportuno astenerci per ora da ogni forma di protesta. Pertanto - si legge in un loro comunicato - il giorno 24 luglio 2019 il servizio taxi nella città di Milano si svolgerà regolarmente.”

Sciopero trasporti, la situazione di Trenitalia e Italo

Non solo i convogli regionali, però. Perché a rischio saranno anche i treni nazionali, con Trenitalia e Italo che sono già corse ai ripari. 

"In vista della proclamazione di sciopero previsto dalle ore 09:01 alle ore 17:01 del giorno 24 Luglio 2019 - si legge in un comunicato di Nuovo trasporto viaggiatori - al fine di diminuire i disagi causati ai viaggiatori di Italo, si pubblica di seguito la lista dei treni garantiti".

Stessa scelta anche per Trenitalia, che ha già reso noto l'elenco dei convogli che saranno cancellati, mentre le Frecce circoleranno regolarmente. 

Sciopero generale dei trasporti, i motivi

I motivi dello sciopero, chiaramente, vanno ricercati nel difficile rapporto - sempre più teso - tra gli esponenti di governo e i sindacati. 

“Per la prima volta nella storia più recente – afferma il segretario generale della Filt Cgil Stefano Malorgio – il Governo che si contraddistingue per l’assenza di risposte strategiche, non ha mai convocato le organizzazioni sindacali e lo ha fatto solo per sporadici incontri per la gestione delle singole crisi. A seguito di questo bisogno di scelte – chiede il dirigente nazionale della Filt Cgil – si deve aprire un confronto punto per punto su infrastrutture, politica dei trasporti e regole ed arrivare alla sottoscrizione di un Patto per i Trasporti che parta dall’aggiornamento del Piano Generale dei Trasporti e della Logistica e che tenga conto delle esigenze di mobilità di persone e merci”.

“L’Italia, dal punto di vista infrastrutturale, – spiega il segretario generale della Fit Cisl Salvatore Pellecchia – rischia di diventare la cenerentola d’Europa se non si sbloccano le opere che la fanno viaggiare fra sud e nord a due velocità. Il sistema di regolazione dei trasporti sta penalizzando sia le lavoratrici che i lavoratori del settore. Basta osservare cos’è accaduto nel trasporto aereo, dove al crescere del traffico una serie di aziende, anziché svilupparsi, sono entrate in crisi che durano tuttora. Allo stesso tempo nel settore ferroviario la liberalizzazione ha aperto le infrastrutture senza garantire alle imprese italiane condizioni di reciprocità verso i paesi europei. Inoltre le dichiarazioni dell’Autorità di regolazione dei trasporti destano inquietudine per i provvedimenti che dovrebbero colpire Rfi, mentre non è ben chiaro cosa si intenda per “aggiornamento del rapporto concessorio” per le autostrade”.

“Il Paese e i lavoratori dei trasporti hanno bisogno di regole, pianificazione e programmazioni - afferma il segretario generale della Uiltrasporti, Claudio Tarlazzi -. Siamo uniti per vincere la battaglia che abbiamo iniziato con gli scioperi nazionali di maggio scorso. Questo non è uno sciopero contro i due partiti al Governo, ma è uno sciopero politico contro l’immobilismo di questo Governo. Senza trasporti moderni ed efficienti, con tutti i lavoratori tutelati dai Ccnl, questo Paese non potrà ripartire”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

  • Attimi di apprensione da Ikea: "Scatta allarme di evacuazione e fanno uscire tutti dallo store"

Torna su
MilanoToday è in caricamento