Lunedì, 25 Ottobre 2021
Scioperi

Il mese nero per i trasporti: sciopero dei mezzi e rischio caos per 24 ore

A proclamare lo sciopero sono state le sigle Adl Cobas, Cib Unicobas, Clap, Confederazione Cobas, Cobas scuola, Cub, Fuori mercato, Sgb, Si Cobas, Sial Cobas, Slai Cobas, Usb e Usi Cit

Ottobre è quasi sempre stato uno dei mesi più caldi sul fronte scioperi e anche quello del 2021 non delude in questo senso. È previsto infatti uno sciopero generale dei lavoratori pubblici e privati che lunedì 11 promette di bloccare non solo i trasporti - treni, metro, bus e aereo - ma una buona fetta del sistema produttivo nazionale.

Lo sciopero di treni, metro e bus 

A incrociare le braccia, come si legge sul portale dedicato del ministero delle infrastrutture e dei trasporti, potranno essere i lavoratori di tutti i settori pubblici e privati. I dipendenti delle compagnie aeree possono fermarsi per tutte le 24 ore dell'11 ottobre, mentre il potenziale blocco del settore ferroviario - Trenitalia, Italo e Trenord in Lombardia - può scattare dalle 21 del 10 ottobre fino alle 21 del giorno successivo.

Autostrade a rischio dalle 22 di domenica alle 22 di lunedì, mentre lo sciopero del trasporto pubblico locale - metro, autobus e tram Atm a Milano - durerà "24 ore ma con modalità territoriali" ancora da definire. Possibile caos, inevitabilmente, anche gli uffici pubblici, con un occhio particolare rivolto alle scuole. 

I motivi dello sciopero

A proclamare lo sciopero sono state le sigle Adl Cobas, Cib Unicobas, Clap, Confederazione Cobas, Cobas scuola, Cub, Fuori mercato, Sgb, Si Cobas, Sial Cobas, Slai Cobas, Usb e Usi Cit. L'obiettivo è schierarsi contro i "licenziamenti" e la "macelleria sociale", contro "lo sblocco dei licenziamenti, per la riduzione generalizzata dell’orario di lavoro a parità di salario al fine di contrastare l’attacco all’occupazione e ai salari" e "per il rilancio dei salari, con forti aumenti economici e con l'istituzione di un meccanismo di piena tutela dei salari dall’inflazione".

E ancora: i sindacati chiedono "garanzia del reddito attraverso un salario medio garantito a tutti i disoccupati" e "l'accesso gratuito e universale ai servizi sociali e un unico sistema di ammortizzazioni sociali che garantisca la effettiva continuità di reddito e salario". Si auspicano poi interventi di "contrasto alla precarietà e allo sfruttamento", come "l'abrogazione del Jobs Act, superamento degli appalti e del dumping contrattuale e forte contrasto all'utilizzo indiscriminato dei contratti precari".

Altri obiettivi della protesta sono il "rilancio degli investimenti pubblici nella scuola, nella sanità e nei trasporti, contro la privatizzazione", "una vera democrazia sindacale" e "la tutela dell’ambiente, il blocco delle produzioni nocive e delle grandi opere speculative".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mese nero per i trasporti: sciopero dei mezzi e rischio caos per 24 ore

MilanoToday è in caricamento