menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il treno "assaltato"

Il treno "assaltato"

È stato appena proclamato uno sciopero dei treni per oggi, "possibili disagi fino a domani"

Lo sciopero indetto dopo il blitz No tav di martedì mattina. Possibili disagi per i treni

Sciopero dei treni in arrivo. Oggi, martedì 27 aprile, dalle 17 alle 18, i ferrovieri potranno incrociare le braccia e i convogli regionali rischiano di finire nel caos. L'agitazione è stata indetta all'ultimo minuto dalle sigle Cgil, Cisl, Uil, Fast, Faisa e Ugl dopo il blitz rivendicato dai "No Tav" avvenuto martedì mattina nella stazione di Porta Romana, dove cinque persone - per ora fuggite - hanno bloccato un treno della S9 e hanno colpito un macchinista Trenord con della vernice spray, usata anche per oscurare i vetri della cabina di guida. 

"L’agitazione indetta senza preavviso potrà generare significativi disagi per i viaggiatori, causando ritardi e soppressioni per i treni regionali, suburbani e il collegamento Malpensa Express di Trenord", si legge in una nota dell'azienda, che sottolinea come "le ripercussioni dello sciopero potranno protrarsi fino alla ripresa del servizio di domani mattina".

"Si ricorda ai viaggiatori che a bordo dei treni è in vigore il limite di accesso fino al 50% della capienza totale definito dalle autorità. Per questo, è richiesto ai passeggeri di occupare tutti i posti a sedere, evitando di sostare in piedi nei corridoi o negli spazi di discesa e salita. Nel caso in cui a bordo di un convoglio si sia già raggiunto il limite consentito, si chiede ai passeggeri di non insistere nella salita e di attendere il treno successivo", proseguono da Trenord.

"Considerato il preavviso ridotto, l'orario indicato per l'astensione e le limitazioni legate alle norme Covid, si preannunciano disagi su tutta la rete. Ci saranno ripercussioni sul servizio ferroviario sino alla giornata di domani", ha sottolineato anche la regione in un comunicato.

Sia da Trenord che dalla stessa regione è subito arrivata una ferma condanna del blitz degli antagonisti ed è stata espressa solidarietà al macchinista, un 43enne che era sceso dalla locomotiva per allontanare gli autori del raid. "Quanto accaduto oggi sulla S9 è un vergognoso atto di violenza che lascia senza parole - il commento dell'assessore regionale ai trasporti, Claudia Terzi -. Una violenza inaccettabile e inconcepibile. Massima solidarietà al macchinista aggredito e ai cittadini che hanno dovuto subire gravi disagi per colpa di un gruppo di imbecilli. Mi auguro che gli autori di questo scempio possano essere identificati e pagare. Il trasporto ferroviario - ha concluso - deve essere sicuro sia per i nostri utenti, e cioè i cittadini, e sia per il personale viaggiante".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Cannabis (light) gratis con Isee fino a 40.000 euro

  • Sport

    Tanto col calcio vale tutto

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento