rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Scioperi

Lo sciopero di dipendenti pubblici che chiedono più smart working

Proclamato lo sciopero nazionale per gli impiegati: dagli uffici pubblici alla scuola, chi incrocerà le braccia giovedì 28 ottobre

Giovedì 28 ottobre molti impiegati di enti pubblici faranno uno sciopero per sensibilizzare riguardo al tema dello smart working. La neonata associazione sindacale Smart Workers Union ha infatti invitato il personale amministrativo, informatico e con mansioni remotizzabili e telelavorabili del pubblico impiego in tutti i comparti, a protestare contro il rientro in presenza dei dipendenti pubblici disposto dal ministro Brunetta.

Tra il personale coinvolto anche i lavoratori del comparto scuola compresi gli insegnanti in regime di didattica a distanza, su tutto il territorio nazionale per l’intera giornata del 28 ottobre 2021. Smart Workers Union organizza la protesta contro le misure del ministro Brunetta raccogliendo chi vede il rischio che i provvedimenti cancellino il lavoro agile nella pubblica amministrazione.

"Gli atti normativi predisposti dal Ministro – si legge nell'atto di proclamazione – non sono in linea con la digitalizzazione della pubblica amministrazione (PNRR), non favoriscono il benessere dei lavoratori pubblici non conciliando i tempi di vita/lavoro e contribuiscono ad aumentare le emissioni di CO2 nel paese".

Smart working come stile di vita: lo sciopero

"Per noi il lavoro digitale e remotizzabile non è solo una delle modalità organizzative del lavoro - scrivono dal sindacato - ma rappresenta un vero e proprio stile di vita da diffondere e mettere in pratica nell’immediato futuro. Vogliamo una società con un basso impatto ambientale, con meno smog, meno pendolarismo e meno ore perse nel traffico. Un società dove il lavoratore migliora la qualità della propria vita ed acquista una autonomia organizzativa del lavoro che può svolgere ovunque".

In particolare si legge nelle motivazioni della vertenza che lo sciopero è indetto:

  • Contro il recente Dpcm del 23/09/2021 in cui si stabilisce che dal 15 ottobre 2021 la modalità di svolgimento della prestazione lavorativa nelle amministrazioni di cui all’art.1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, è quella in presenza;
  • Contro il DM 8 ottobre 2021 del Ministro della Pubblica Amministrazione che prevede il rientro di tutto il personale in presenza entro i 15 giorni successivi alla data del 15 ottobre 2021, confermando che il lavoro agile non è una modalità ordinaria della prestazione lavorativa e che l’accesso a tale modalità potrà essere autorizzato solo nel rispetto di alcune condizionalità e tramite accordo individuale;
  • infine poiché gli atti normativi citati non sarebbero in linea con la digitalizzazione della pubblica amministrazione (PNRR), non favorirebbero il benessere dei lavoratori pubblici non conciliando i tempi di vita/lavoro e contribuendo altresì ad aumentare le emissioni di CO2 nel paese.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo sciopero di dipendenti pubblici che chiedono più smart working

MilanoToday è in caricamento