menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'arrestato

L'arrestato

Violento e seriale, arrestato l'incubo delle anziane: "Chi lo riconosca, venga in caserma"

In manette un 44enne, cittadino tunisino. È accusato di essere un rapinatore seriale

Sempre le stesse vittime, le più deboli, le più indifese. Sempre lo stesso modus operandi, violento e spietato. Nonostante le persone che avesse davanti avevano praticamente tutte più di 90 anni. Un uomo di 44 anni, un cittadino tunisino con numerosi precedenti, è stato arrestato mercoledì pomeriggio dai carabinieri della compagnia di Sesto San Giovanni in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Monza. 

Il 44enne è infatti ritenuto un vero e proprio rapinatore seriale di anziane, tutte colpite a Sesto, dove lui stesso vive. Le indagini dei militari, guidati dal maggiore Saverio Sica, hanno permesso di accertare come nell'ultimo mese l'uomo si sia reso responsabile di numerosi blitz contro signore che tornavano a casa dal supermercato o dall'edicola. 

Il suo modus operandi, da vero seriale, era sempre lo stesso: sceglieva la preda, aspettava che finisse la commissione e poi - mentre l'anziana si apprestava a far rientro a casa -, la seguiva nell'androne del condominio e lì la aggrediva alle spalle e la rapinava. In uno dei colpi, ripreso dalle telecamere del palazzo, il 44enne ha letteralmente sollevato la vittima da terra con un braccio attorno al collo per poi frugare nella sua borsa e fuggire. 

A incastrarlo sono state proprio quelle immagini unite al lavoro dei carabinieri, che con appostamenti e continui pedinamenti sono riusciti a rintracciare e identificare senza ombra di dubbio il 44enne. Nell'ordinanza di custodia cautelare, emessa per il reato di rapina, al momento gli viene contestato un colpo, ma è evidente - secondo i militari - che praticamente tutti gli scippi alle anziane avvenuti nell'ultimo mese a Sesto San Giovanni portino la sua firma. 

Per questo gli investigatori hanno deciso di diffondere la foto del rapinatore, con la speranza che chi lo riconosca si presenti in caserma per formalizzare la denuncia vincendo la paura. Perché adesso, grazie ai carabinieri, l'incubo delle anziane si trova in carcere.  
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento