Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Scontri Inter-Napoli, 6 interisti a processo: richieste fino a 5 anni, Daspo per Ciccarelli

Iniziato il processo ai sei tifosi nerazzurri arrestati. Da Ros patteggerà, gli altri hanno chiesto l'abbreviato

Da quasi 3 anni a oltre 5 anni: queste le richieste della procura di Milano a carico di cinque dei sei ultras dell'Inter a processo con rito abbreviato (e sconto di un terzo della pena) per gli scontri nel pre-partita di Inter-Napoli del 26 dicembre 2018, durante i quali perse la vita (investito da una o due automobili) il tifoso varesino 39enne Daniele Belardinelli.

La sentenza è attesa per il 21 marzo, giorno in cui il magistrato deciderà anche sul patteggiamento (concordato con la procura) del sesto imputato, Luca Da Ros, a un anno e 10 mesi di reclusione. Da Ros fa parte del terzetto dei primi arrestati dopo gli scontri (con lui Simone Tira e Francesco Baj), ma è stato l'unico a collaborare con gli investigatori.

Fin qui si è anche ritenuto che la collaborazione di Da Ros (nel frattempo posto ai domiciliari e successivamente liberato in attesa del giudizio) fosse stata fondamentale per risalire agli altri arrestati successivamente, ovvero il leader dei Viking Nino Ciccarelli, quello dei Boys San Marco Piovella e Alessandro Martinoli. 

Ma il legale di Da Ros, Alberto Tucci, parlando con la stampa fuori dall'aula bunker di San Vittore in cui si è svolta l'udienza, ci ha tenuto a sottolineare che, in realtà, gli investigatori sarebbero arrivati agli altri imputati per altre vie, non grazie alle 'indicazioni' di Da Ros, che immediatamente dopo il primo interrogatorio era stato minacciato di morte.

Scontri Inter-Napoli, Daspo per Ciccarelli

L'accusa principale dei sei imputati è di rissa aggravata, a cui si aggiungono il lancio di oggetti e le lesioni volontarie. E' per lo storico leader della curva Nord Nino Ciccarelli la richiesta più pesante: 5 ani, 8 mesi e 10 giorni. Se la 'caverebbe' con 3 anni, 8 mesi e 20 giorni Marco Piovella, nella vita di tutti i giorni ingegnere e designer, recentemente 'scampato' al divieto di dimora in Lombardia quando sarà stato liberato. Le altre richieste: 4 anni, 4 mesi e 20 giorni per Alessandro Martinoli; 2 anni, 11 mesi e 10 giorni per Simone Tira e Francesco Baj. Tutti senza attenuanti generiche.

Per Ciccarelli è stato anche disposto un Daspo di 8 anni da parte del giudice Guido Salvini. Si tratta di un provvedimento chiesto dalla questura di Milano e convalidato dal magistrato. Ciccarelli non potrà quindi avvicinarsi a luoghi in cui si svolgono manifestazioni sportive e, contestualmente, dovrà presentarsi alle forze di polizia.

Scontri Inter-Napoli, da chiarire la ragione degli incidenti

Ancora da chiarire completamente quale sia stata la 'vera' origine degli incidenti. Oltre alla prima ipotesi, quella del raid organizzato dalla curva Nord dell'Inter contro i tifosi del Napoli (e con l'aiuto di nizzardi e varesini venuti a Milano), ne sono state avanzate altre due, non ancora accantonate: quella dell'appuntamento organizzato tra frange violente di tifosi a buona distanza dallo stadio per non essere 'intercettati' dalle forze dell'ordine; e quella dell'operazione 'difensiva' per evitare che i napoletani assaltassero il 'Baretto', lo storico ritrovo di interisti adiacente allo stadio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontri Inter-Napoli, 6 interisti a processo: richieste fino a 5 anni, Daspo per Ciccarelli

MilanoToday è in caricamento