Cronaca Porta Magenta / Via Giovanni Boccaccio

Altri tre "black bloc" fermati per gli scontri del 1 maggio ai domiciliari

Su richiesta dei legali

Un'immagine degli scontri (Gemme/MT)

Concessi gli arresti domiciliari per tre antagonisti fermati dopo gli scontri del 1 maggio a Milano, nell'ambito del corteo "No Expo" finito malissimo a causa di qualche centinaio di black bloc che ha incendiato numerose autovetture in centro e scatenato una guerriglia urbana. Si tratta di Jacopo Piva, Mirko Leone e Anita Garola.

Lo ha stabilito il gip Donatella Banci Buonamici su richiesta dei rispettivi avvocati. Il legale di Davide Pasquale non ha invece ancora presentato analoga richiesta e il suo assistito è dunque l'unico, tra i cinque fermati quello stesso giorno, a restare in carcere: Heidi Panzetta aveva infatti ottenuto i domiciliari il 19 giugno. Resta in carcere infine Marco Ventura, arrestato nei giorni successivi con l'accusa di avere aggredito un vicequestore.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Altri tre "black bloc" fermati per gli scontri del 1 maggio ai domiciliari

MilanoToday è in caricamento