rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca Porta Vittoria / Corso di Porta Vittoria

Scontro in procura: Robledo a Venezia fino a pensione di Bruti Liberati

Poi tornerà a guidare, a Milano, il pool anticorruzione

Si avvia a concludersi lo scontro ai vertici della procura di Milano, che ha visto protagonisti Alfredo Robledo (procuratore aggiunto) e Edmondo Bruti Liberati (procuratore capo). Lo scontro aveva fatto molto scalpore ed era ormai insanabile: da ultimo, Bruti aveva tolto a Robledo la delega di capo del dipartimento anticorruzione.

Il vicepresidente del Csm, Giovanni Legnini, ha provato a mediare tra le parti e alla fine pare che la soluzione sia stata trovata.

Robledo presenterà richiesta per "applicazione temporanea" per un anno a Venezia, come sostituto procuratore generale. Fino al 31 dicembre 2015, Bruti dovrebbe assegnare (in via provvisoria) l'incarico di capo del pool anticorruzione a qualcun altro. Poi, quando Bruti - che a ottobre 2014 ha compiuto 70 anni - andrà in pensione, Robledo tornerà a Milano e tornerà anche a guidare l'anticorruzione.

Il Csm per ora non ha preso alcuna decisione ufficiale. In linea di massima, questa è la proposta che verrà sottoposta al consiglio.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontro in procura: Robledo a Venezia fino a pensione di Bruti Liberati

MilanoToday è in caricamento