Cronaca Segrate

18 scooter rubati e cannibalizzati in un box di Segrate (Milano)

Gli investigatori ipotizzano fossero destinati ad essere trasportati via nave in Africa Centrale

Gli scooter 'cannibalizzati'

Almeno 18 scooter, quasi tutti dello stesso modello, rubati e poi smontati meticolosomente in sei parti, impacchettati e, probabilmente, pronti per essere spediti. La cannibalizzazione avveniva in un box di via Grandi a Segrate, hinterland est di Milano, scoperto nel pomeriggio di giovedì 26 agosto dalla polizia di Stato, che ha arrestato per riciclaggio un 46enne.

Le indagini sono partite dal furto di uno scooter commesso da un italiano che è stato arrestato mercoledì. Da lì gli investigatori del commissariato Monforte Vittoria sono arrivati al garage di Segrate, dove hanno trovato l'uomo, un cittadino senegalese in Italia regolarmente, e otto scooter Honda Sh rubati tra fine luglio e fine agosto. Il 46enne, senza opporre alcuna resistenza, ha subito ammesso la provenienza furtiva dei motocicli, che erano stati divisi in parti, imballati e numerati.

Nel box sono stati rinvenuti anche attrezzi per lo smontaggio, etichette e adesivi; mentre a casa dell'uomo, durante una perquisizione sono state trovate tre agende con appunti sugli scooter e il loro valore commerciale, ricevute di versamento e, in borsone, dieci carte di circolazione di altrettanti scooter rubati a Milano a luglio 2020, per un totale di 18. L'ipotesi dei poliziotti è che i pezzi fossero destinati al porto di Genova da dove sarebbero partiti in nave con destinazione il centro Africa.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

18 scooter rubati e cannibalizzati in un box di Segrate (Milano)

MilanoToday è in caricamento