menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I braccianti al lavoro

I braccianti al lavoro

Milano, gli "schiavi della marmellata": quei braccianti sfruttati nei campi a 4,5 euro all'ora

Sequestrata un'azienda dal valore di 7,5 milioni di euro. Sigilli ai barattoli di marmellata

Giorni di prova mai pagati. Licenziamenti e allontanamenti a discrezione. Turni di lavoro estenuanti. "Guardie" a vigilare, a controllare che nessuno lavorasse neanche un secondo di meno. Erano trattati da schiavi, veri e propri schiavi, i cento lavoratori - tutti extracomunitari - impegnati in un'azienda agricola di Cassina de' Pecchi - la StraBerry - specializzata nella produzione di frutta e marmellate che lunedì è stata sequestrata dalla guardia di finanza di Milano su ordine della procura e con l'ok del Gip. 

Gli stessi finanzieri che hanno indagato sull'azienda, dal valore di 7 milioni e mezzo di euro, non usano troppi giri di parole e in una nota parlano di "sistematico sfruttamento illecito della manodopera agricola". 

La protesta per i diritti dei braccianti

Gli schiavi a 4,50 euro all'ora

I braccianti, stando a quanto ricostruito dalle fiamme gialle, erano costretti a lavorare nei campi per più di 9 ore al giorno e per una paga di 4 euro e 50 centesimi all'ora. E ancora: "Alla ingiusta retribuzione - proseguono dalla Gdf - si aggiungevano degradanti condizioni d’impiego nei campi". I lavoratori, infatti, "soggetti alla continua vigilanza dei responsabili, erano costretti a sforzi fisici oltremodo gravosi, tesi a velocizzare la raccolta dei frutti e in spregio alle norme anti Covid 19 sul distanziamento sociale".

Ma nel campo degli schiavi succedeva anche altro. Era prassi aziendale, sempre stando alle indagini, assumere in prova per due giorni i dipendenti - senza alcuna retribuzione - per poi allontanarli e proseguire in una sorta di folle turn over a costo 0 per la società, sfruttando - sottolineando investigatori e inquirenti - "i giovani extracomunitari bisognosi di lavorare".

Lunedì, oltre al sequestro, sono scattate le denunce per 7 persone - i due amministratori, due "sorveglianti", due impiegati e il consulente aziendale - che dovranno rispondere delle accuse di intermediazione illecita e sfruttamento della manodopera. I sigilli sono invece scattati per "53 immobili, tra terreni e fabbricati, 25 veicoli e 3 conti correnti", mentre la procura ha provveduto alla nomina di un amministratore giudiziario per non fermare i lavori. 

Sequestrati 27mila barattoli di marmellata

Non solo sfruttamento, però. Perché durante il sopralluogo i finanzieri hanno verificato che i braccianti erano costretti a lavorare in condizioni precarie di sicurezza e igiene, senza dispositivi di protezione individuali, senza spogliatoi, docce e servizi igienici, dovendo usare tutti lo stesso bagno chimico esterno. 

In più, nell'azienda non c'erano il piano anti incendi e il piano d'emergenza e sono stati trovati - e sequestrati - 27mila barattoli di marmellata che erano conservati all'aperto al sole ed erano pronti per essere venduti ad operatori della grande distribuzione. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento