Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Duomo / Via Larga

Vigili sequestrano Maserati della Santanché: montava abusivamente sirena e lampeggiante

L'auto, guidata da un autista, è stata controllata dai ghisa dopo che aveva bruciato un rosso

La polizia locale di Milano ha sequestrato una Maserati di Daniela Santanché, imprenditrice e deputata tra le fila di Forza Italia. Motivo? Montava abusivamente sirena e lampeggiante normalmente in uso alle forze dell'ordine. La notizia è stata riportata sulle colonne di Repubblica.

Il fermo è scattato dopo che il veicolo — intestato alla società Visibilia Editore di cui Santanché è azionista di maggioranza — ha bruciato un semaforo rosso in via Larga. I vigili hanno fermato il mezzo e oltre che a fare il verbale all'autista hanno ritirato la carta di circolazione per la violazione dell'articolo 78 del codice della strada: "modifiche delle caratteristiche costruttive dei veicoli in circolazione". Per poter ritornare in regola l'auto deve smontare lampeggianti e sirene, oppure l'impianto dovrà essere autorizzato dal ministero degli Interni.

Sulle colonne di Repubblica Santanché ha tentato di smarcarsi: "non c'entro nulla, non ero nemmeno presente al momento del fatto, semplicemente l'autista mi stava venendo a prendere. Aggiungo che normalmente mi sposto con un'altra auto che è intestata a me, come la polizia locale può facilmente verificare. L'unica responsabilità in questa vicenda è dell'autista, che essendo passato con il semaforo rosso ha preso il verbale e si è visto decurtare sei punti di patente".

Non solo: l'esponente di Forza Italia ha dichiarato che non le è stato contestato la violazione la violazione dell'articolo 78, precisando che i dispositivi erano spenti e che non li rimuoverà: "sono di proprietà della polizia di Stato, e deve essere la stessa polizia a ritirarli".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigili sequestrano Maserati della Santanché: montava abusivamente sirena e lampeggiante

MilanoToday è in caricamento