menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sequestrati beni dalla finanza

Sequestrati beni dalla finanza

Sequestrati beni per 800mila euro ai dirigenti dell'Anpas

I militari della guardia di finanza hanno sequestrato beni mobili e immobili per circa 800mila euro a Maurizio Ampollini e Ezio Mori, presidente e direttore dell'Anpas Lombardia

I militari della guardia di finanza di Milano hanno sequestrato beni mobili e immobili per circa 800 mila euro a Maurizio Ampollini e Ezio Mori, rispettivamente presidente e direttore dell'Anpas Lombardia, l'associazione che gestisce le ambulanze, indagati per falso e peculato nell'ambito di un'inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo e dal pm Letizia Mannella.

Il sequestro preventivo di beni mobili e di disponibilità finanziarie è stato disposto dal gip Maria Grazia Domanico nell'ambito di un'indagine con cui è stato accertato che Ampollini e Mori avrebbero falsamente attestato i requisiti necessari per il mantenimento dell'iscrizione annuale dell'associazione nel registro regionale del volontariato e si sarebbero appropriati esattamente di 775 mila euro, in danno di varie aziende ospedaliere, trattenendoli per conto della stessa Anpas Lombardia a titolo di oneri di rendicontazione per gli anni 2008 e 2011.

Ma dall'inchiesta è anche venuto a galla che il presidente si sarebbe appropriato indebitamente di tre autovetture, anch'esse sequestrate, concedendole poi in uso ad alcuni dipendenti dell'Anpas lombarda.

Nell'ambito della stessa operazione le fiamme gialle hanno già sequestrato beni mobili e immobili per oltre mezzo milione. Questo filone di indagine è lo sviluppo dell'inchiesta che nell'ottobre 2011 aveva portato in carcere, con le accuse di falso e peculato, l'allora presidente della Croce Ambrosiana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento