menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lucci con Salvini

Lucci con Salvini

Milano, il "tesoro" del capo ultrà "elettricista": sequestrati case, soldi, un locale e un'Audi Q5

Operazione della Divisione anticrimine della Questura di Milano contro Luca Lucci. I dettagli

Formalmente, sulla carta, è un elettricista. Ma - questa è la teoria della Questura di Milano - il suo tesoro lo ha accumulato con attività decisamente illecite. 

La Divisione anticrimine della Questura di Milano ha eseguito mercoledì mattina un sequestro di beni nei confronti di Luca Lucci, il 37enne capo ultrà della Curva Sud del Milan finito in passato nei guai per traffico di droga

Lucci, diventato famoso dopo la foto con Matteo Salvini alla festa degli ultras rossoneri, era infatti stato arrestato a maggio del 2018 per spaccio di stupefacenti e aveva poi patteggiato un anno e sei mesi di pena. 

"A seguito degli accertamenti patrimoniali - si legge in una nota ufficiale della Questura - è emerso che" il 37enne "traeva le sue principali fonti di sostentamento dal traffico degli stupefacenti".
 
"Di conseguenza - proseguono da via Fatebenefratelli - è stato disposto il sequestro di un complesso immobiliare di recentissima costruzione di due piani con autorimessa, di un'autovettura modello Audi Q5, dei conti correnti e della gestione di un locale pubblico, luogo storico di ritrovo degli ultras del Milan", il "clan 1899" si trova a Sesto San Giovanni.

I beni sequestrati a Lucci - che era anche stato coinvolto nell'aggressione a Virgilio Motta, il tifoso interista poi suicidatosi per aver perso un occhio - hanno un valore di circa un milione di euro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento