Cronaca via Paolo Sarpi

Operazione "Flash": sequestrati 50 mln di euro in merce contraffatta

La Guardia di Finanza, dopo mesi di indagini, ha scoperto un deposito di merce cinese contraffatta e non in regola con le norme comunitarie sulla sicurezza. Tra gli oggetti sequestrati computer, giocattoli, elettrodomestici, occhiali e dvd

La Guardia di Finanza ha effettuato un sequestro di merce contraffatta, scovando un deposito con migliaia di pezzi pericolosi e illegali, per il valore di 50 milioni di euro. I militari hanno definito questa "maxi operazione", denominata "Flash" come la più ingente ai danni dei falsari cinesi.

La merce sequestrata era tutta "made in China", nel covo individuato dai finanzieri, dopo mesi di indagini ,sono stati trovati computer, giocattoli, piccoli elettrodomestici, occhiali, cd, dvd, in parte contraffatti ed in parte non in regola con la normativa comunitaria sulla sicurezza, quindi potenzialmente nocivi per la salute degli acquirenti.

E' stato sequestrato anche un numero consistente di pile elettriche inserite in piccoli elettrodomestici, giudicate molto pericolose, che si deformavano con la semplice pressione delle dita. L'operazione "Flash" e stata coordinata dal procuratore aggiunto di Milano Nicola Cerrato, a capo del pool anti-contraffazione della Procura, che ha coinvolto una quindicina di finanzieri per un'attività di indagine durata circa tre mesi, che si è sviluppata attraverso un'attività di controllo del territorio che ha portato i militari ad individuare un continuo movimento di cittadini cinesi all'interno di un grande deposito.

Una volta avviate le indagini sono stati individuati altri tre magazzini e sono scattate le perquisizioni, che hanno interessato anche due esercizi commerciali, di cui uno nella zona di via Paolo Sarpi. Due cinesi sono stati denunciati ed individuati due lavoratori irregolari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione "Flash": sequestrati 50 mln di euro in merce contraffatta

MilanoToday è in caricamento