menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La polizia sta stringendo il cerchio contro la contraffazione

La polizia sta stringendo il cerchio contro la contraffazione

"Profumi di lusso contraffatti", la locale ha sequestrato 600 confezioni

Gucci, Armani, Hugo Boss, Chanel, Dior, Dolce & Gabbana, sono questi i marchi contraffatti. Due persone sono state denunciate per contraffazione e ricettazione in concorso

Ancora un sequestro di merce contraffatta da parte della Polizia locale, il secondo in pochi giorni. Domenica pomeriggio gli agenti, dopo un’attività d’indagine durata alcuni giorni, hanno intercettato un’auto in via Legnone 80, che trasportava nel bagagliaio un ingente quantitativo di prodotti di profumeria destinati a rifornire alcune bancarelle di vari mercati settimanali. 

Sono state sequestrate 600 confezioni con marchi contraffatti (Gucci, Armani, Hugo Boss, Chanel, Dior, Dolce & Gabbana) e denunciate, per contraffazione e ricettazione in concorso, le due persone che si trovavano a bordo dell’auto: C.A. un uomo di nazionalità albanese di 47 anni con regolare permesso di soggiorno, che si trovava alla guida del veicolo, e una cittadina di nazionalità romena, M. O., 35enne. 
La Polizia locale sta stringendo il cerchio attorno a una rete che fa la spola tra i Paesi dell’Est e Milano, dedita al commercio illegale di merce contraffatta. I prodotti, fabbricati e confezionati in Romania, Bulgaria e Moldavia, sono trasportati, tramite capienti furgoni, fino alle porte di Milano. La merce è quindi venduta all’ingrosso per essere rivenduta al dettaglio a commercianti compiacenti, il tutto alimentando una rete di illegalità e lavoro nero. 
La lotta contro la contraffazione tutela i cittadini. Questi prodotti non sono sottoposti ad alcun controllo e hanno ingredienti che possono essere nocivi per chi li utilizza. Inoltre non solo non vengono rispettate le normative sui marchi ma neppure quelle sul lavoro, per questo la Polizia locale è molto attiva nel contrastare questo tipo reato” dichiara Marco Granelli, assessore alla Sicurezza e Coesione sociale, Polizia locale del Comune di Milano. 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

Un uomo è rimasto incastrato col pene nel peso di un bilanciere

Coronavirus

Lombardia zona gialla: cosa potrebbe riaprire dal 26 aprile

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    La Lombardia potrebbe diventare zona gialla, sostiene Fontana

  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento