Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca Chinatown / Via Paolo Sarpi

Dall'Est a Chinatown, così arriva lo shaboo a Milano: è la droga che trasforma in “zombie”

Importante operazione dei carabinieri: smantellato il canale di spaccio di tutto il Nord Italia. I militari: "È una droga che trasforma i consumatori in veri e propri zombie". Le immagini

Lo shaboo veniva spacciato anche in un centro massaggi - Foto © MilanoToday

La “cucina” - una sorta di laboratorio artigianale fatto di pentole e fornelli - era in un palazzo in un sobborgo di Varsavia, a venticinque chilometri dal centro città. Lì, la materia prima, la base farmaceutica, arrivava e veniva lavorata. Poi, via terra, veniva “spedita” nel Nord Italia e a Milano, già pronta per essere spacciata. Un giro transnazionale, ma abbastanza lineare, con i vietnamiti a fare da “cuochi” e i cinesi a ricoprire il ruolo di fornitori e grossisti. 

A unire tutte le tessere del mosaico, invece, ci hanno pensato i carabinieri del Nucleo Investigativo di Milano che, giovedì mattina, hanno concluso un’operazione che ha coinvolto le province di Milano, Monza, Cagliari, Cremona, Como, Parma, Pavia, Prato, Rovigo, Treviso e ha portato all’arresto di trentasei stranieri - cinesi, filippini, vietnamiti e rumeni -, tutti ritenuti responsabili dell’importazione, della detenzione e dello spaccio di sostanze stupefacenti di tipo sintetico. 

VIDEO | Lo spaccio nel centro massaggi di Chinatown a Milano

foto video spaccio-2

Gli stessi militari, che dalla primavera del 2014

hanno fermato sessantotto persone coinvolte nel giro di spaccio, sono riusciti a mettere le mani su tre chili e mezzo di shaboo - una dose è di 0,1 grammo al costo di cinquanta euro -, che venduto al dettaglio avrebbe fruttato due milioni. Il "carico" è in assoluto, e per distacco, il sequestro più grande effettuato finora in Italia. 

Lo shaboo - droga sintetizzata per la prima volta nell’800 e molto diffusa nelle comunità asiatiche - veniva creato da quattro vietnamiti, arrestati in flagranza, in un edificio di Varsavia. Dalla Polonia - dove è possibile far arrivare la base farmaceutica dalla Cina senza grossi problemi - partiva poi la rete di vendita e spaccio.

La droga, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, arrivava in Italia - soprattutto a Padova e Reggio Emilia - grazie a corrieri che accettavano di trasportare lo stupefacente in lunghi viaggi in auto. In un’occasione, uno dei corrieri aveva nascosto lo shaboo in un normalissimo estintore, prima di essere scoperto e arrestato dai militari. 

A Milano lo spaccio si concentrava soprattuto a Chinatown e i militari hanno scoperto un centro massaggi, che - oltre a offrire prestazione sessuali in cambio di soldi - vendeva shaboo da consumare direttamente nel locale

Quello dello shaboo, ha evidenziato il comandante del Nucleo Investigativo Michele Miulli, è un circolo vizioso perché, spesso, chi è un consumatore abituale si trasforma in piccolo spacciatore per poter avere i soldi per comprare altra droga. Una droga che, ha spiegato il carabiniere senza troppi giri di parole, trasforma gli assuntori in “larve umane, in zombie”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dall'Est a Chinatown, così arriva lo shaboo a Milano: è la droga che trasforma in “zombie”

MilanoToday è in caricamento